Roma: stop ai maleducati, Raggi: “multa a chi getta mascherine a terra”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:40

Le protezioni contro il coronavirus potrebbero nascondere insidie per qualche giorno se gettate a terra. La sindaca Raggi corre ai ripari contro la maleducazione.

Possiamo prendercela con lo Stato finchè vogliamo se le cose non vanno bene, ma alla fine il senso civico deve partire sempre e solo da noi: nessuno ci può imporre l’educazione. Ma possono imporci multe salatissime, questo sì. Come ha fatto la sindaca Raggi, a Roma.

Se gettiamo a terra le mascherine e i guanti di protezione come facciamo con i mozziconi di sigaretta, i pezzi di carta che danno fastidio alle tasche, i fazzoletti e chi più ne ha più ne metta, è giusto che paghiamo la nostra mancanza di senso civico e di rispetto per l’ambiente e per gli altri.

Multe fino a 500 euro per chi abbandona mascherine e guanti

E come succede con i bambini, talvolta servono più le punizioni per fare capire un errore.

Multe fino a 500 euro per chi abbandona guanti e mascherine usate per strada. È quanto prevede un’ordinanza firmata dal sindaco di Roma, Virginia Raggi, contro l’abbandono dei dispositivi di protezione individuale monouso.

Potrebbe interessarti Brumotti ora difende i clandestini e attacca la ‘ndrangheta

Questo tipo di rifiuti, così come previsto dalle norme nazionali e regionali, devono essere posti nei contenitori della raccolta indifferenziata.

“In questi mesi di emergenza sanitaria legata al coronavirus i nostri operatori ecologici hanno segnalato più volte di dover raccogliere guanti e mascherine usati, buttati per terra da persone incivili. Un comportamento vergognoso che, grazie a questo provvedimento, sarà duramente sanzionato”, ha dichiarato la sindaca.

Potrebbe interessarti E se invece della Bellanova, fosse proprio Salvini a portare migranti?

A occuparsi delle contravvenzioni saranno i vigili urbani. Nel mirino, considerata l’alto rischio di contagio, finisce anche chi si disfa di fazzoletti usati. Sul posto di lavoro i dispositivi di protezione individuale non vanno gettati nei cestini accanto alle scrivanie, in quelli dei bagni o di altri luoghi frequentati da più persone.

Devono essere invece smaltiti come fossero rifiuti indifferenziati, chiusi in un sacchetto e poi gettati nel cassonetto.

La situazione coronavirus a Roma e nel Lazio

Sono 9 i nuovi casi positivi al coronavirus a Roma nelle ultime 24 ore. Un dato uguale a quello del 24 maggio: la curva di nuovi contagi si è assestata. Dei nove nuovi contagi da Covid-19, sette nuovi casi arrivano dalla Asl Roma 1, mentre nessuno dalla Asl Rm2.

Anche in provincia il dato è buono con due casi in totale (uno nella Asl Rm5 e uno nella Asl Rm6). Nelle altre città del Lazio, dei 5 casi totali quattro arrivano da Latina. Sono quindi sedici i nuovi casi nelle ultime 24 ore: è il dato migliore da inizio epidemia.