Terracina, gettano un braccciante in un canale: arrestati due agricoltori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:00

A Terracina, due imprenditori agricoli, padre e figlio hanno gettato un bracciante in un canale. Il motivo: chiedeva una mascherina. Indagati per estorsione, rapina e lesioni aggravate

campi
Fonte foto: Getty Images

Due imprenditori agricoli, padre e figlio hanno percosso e gettato in un canale un bracciante di origine indiana. Il motivo dell’alterco: il dipendente ha richiesto mascherine e altri dispositivi di protezione personale per lavorare in sicurezza.

La Polizia di Stato ha dunque arrestato i due titolari dell’azienda agricola di Terracina, specializzata nel mercato degli ortaggi. Il padre sottoposto agli arresti domiciliari, mentre il figlio è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Il ragazzo di origine indiana, finito in ospedale, ha riportato ferite alla testa riconducibili ad un corpo contundente, lesioni e fratture.

Le accuse per i due, nell’ambito dello sfruttamento di lavoratori stranieri, è di lesioni personali aggravate, rapina ed estorsione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Morto da un mese: “Gli ho dato fuoco” arrestata una donna a Roma

Terracina, la denuncia del sindacato: gli imprenditori sfruttavano i lavoratori

campi
Fonte foto: Getty Images

I sindacati denunciano lo sfruttamento dei braccianti stranieri. Gli investigatori del Commissariato Distaccato della Polizia di Stato di Terracina hanno appurato che i lavoratori che prestavano servizio presso l’azienda, lavoravano 12 ore al giorno, 7 giorni su 7 e per 4 euro l’ora.

Tutti i braccianti lavoravano in difformità della vigente normativa in materia di sicurezza e sanitaria. E ovviamente senza nessun dispositivo di sicurezza per evitare il contagio da Covid-19.

Roberto Iovino, il segretario confederale Cgil di Roma e del Lazio ha commentato il grave fatto: Terracina e il pontino non sono nuovi a questi episodi, lo scorso autunno siamo scesi di nuovo in piazza della Libertà a Latina dopo che un imprenditore agricolo aveva minacciato numerosi lavoratori con un fucile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Brumotti aggredito a Milano, la reazione dei ragazzi durante il servizio

Per Iovino, Serve più legalità e dignità per chi lavora nelle campagne, per questo la legge sul caporalato deve essere applicata in tutte le sue parti. A partire dalla tutela della denuncia dei lavoratori, a maggior ragione adesso con la regolarizzazione di chi lavora in nero. Servono più controlli e soprattutto che i lavoratori che denunceranno la loro condizione di irregolarità siano tutelati e non esposti ai ricatti dei caporali e degli sfruttatori”.