Il cane piange davanti alla lapide: “va a trovarlo ogni giorno”

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

E’ diventata famosa come la favola del cane Oliver, ma è una storia vera che arriva da un piccolo paesino ed ha commosso tutti.

cane
(fonte web)

A Motta Baluffi, paesino con poco più di 800 anime, viveva un meccanico con il suo amato cane. Sembra proprio l’inizio di una favola, se non fosse che invece è una storia vera e commovente.

Oliver, è un piccolo meticcio che appartiene alla famiglia Gaspari, nel cremonese appunto. Ogni giorno Oliver si incammina per la strada che porta al cimitero, stando anche attento alle macchine che passano e senza alcuna paura. Quando arriva davanti al cancello aspetta che qualcuno le apra ed entra. Conosce la strada il piccolo Oliver e così arriva fino in fondo al campo santo dove c’è la tomba di famiglia dei Gaspari.

Si ferma un minuto davanti alla tomba come se facesse il suo saluto al padrone che non c’è più, poi fa una pipì e torna sulla strada che lo riporta a casa. E’ così da sempre, da quando ha imparato a camminare e faceva la stessa cosa con mamma Desy, la sua mamma.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE IL CANE PIANGE DISPERATAMENTE DAVANTI ALLA LAVATRICE: IL RACCONTO DELL’ACCADUTO

Tante volte i cani sono meglio delle persone

cane
Oliver davanti al cancello del cimitero (foto web)

Desy era il cane di Daniele Gaspari, il meccanico del paese che è morto nel 2011. Dal giorno del funerale e fino a che le forze glielo hanno permesso, è andata ogni giorno a trovarlo al cimitero. Lo ha fatto anche dopo essere diventata mamma portando con sè il cucciolo Oliver. Ma due anni fa Desy si è spenta a 16 anni. Oliver è rimasto solo, ma non ha perso l’abitudine che aveva con sua mamma.

Tante volte i cani sono meglio delle persone” dice la moglie di Daniele, “le donne che vanno al cimitero mi dicono sempre che ‘Al par c’al vaga a catar al to om’ (sembra che vada a trovare tuo marito) , prosegue la vedova “non dà fastidio a nessuno, e non abbiamo mai avuto problemi. Lui aspetta che la mattina qualcuno apra il cancello e poi parte” conclude.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – BLAZE, IL LABRADOR A CHIAZZE BIANCHE E NERE DIVENTA LA NUOVA STAR DEI SOCIAL

I cani non smetteranno mai di stupirci, le loro emozioni senza voce arrivano dritte al cuore e spesso sono loro i primi a capire le nostre.