Coronavirus, la Calabria sfida il governo: aperti bar e ristoranti da oggi

La Calabria in contrasto con i decreti governativi. Da oggi, riapertura di bar e ristornati con tavoli all’aperto e servizio al tavolo

bar
Pixabay

Una nuova ordinanza della governatrice della regione Calabria, Jole Santelli prevede che da oggi sarà “consentita la ripresa delle attività di bar, pasticcerie, ristoranti, pizzerie, agriturismo con somministrazione esclusiva attraverso il servizio con tavoli all’aperto”. Una sfida in tutto e per tutto al governo che qualche giorno fa aveva presentato il nuovo dpcm che entrerà in vigore il 4 maggio.

Oltre a bar e ristoranti saranno previste anche altre aperture: i mercati all’aperto e la vendita ambulante anche al di fuori del proprio comune. Tutto questo deve, però, avvenire nel rispetto delle forme di distanziamento di sicurezza e con l’uso di mascherine e guanti.

La decisione è stata presa dalla governatrice Jole Santelli che spiega: “Parla il linguaggio della fiducia”. Nella classifica dei contagi per il Covid-19, la Calabria si posizione nella parte bassa con 1.102 persone positive e 86 vittime. “Poiché in queste settimane i calabresi hanno dimostrato senso civico e rispetto delle regole, è giusto che la Regione ponga in loro fiducia. Sapranno dimostrare buon senso nel gestire i nuovi spazi di apertura che la Regione ha deciso di consentire, anche oltre il dettato del governo”, ha detto la Santelli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Fase 2 coronavirus, nuovo protocollo sicurezza lavoro: cosa cambia?

L’ordinanza prevede anche altre aperture in Calabria, mentre chi arriva in Basilicata dovrà fare il tampone

ristorante
Pixabay

Tante altre aperture previste dall’ordinanza. Consentiti anche il commercio al dettaglio di fiori, semi e piante. Inoltre, al via le riprese di attività agricole e di piccoli allevamenti amatoriali e il lavoro di allestimento degli stabilimenti balneari.

Per quanto riguarda gli spostamenti, sono ammessi all’interno del proprio comune di appartenenza, ma anche verso altri comuni per gli sport individuali e per raggiungere le proprie imbarcazioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Fase 2, Ministero della Salute chiarisce: “L’amicizia è affetto stabile”

Per la confinante regione della Basilicata, sono previsti dei tamponi per chi arriva da fuori regione. L’ordinanza firmata dal presidente della regione Vito Bardi prevede altrettanto che, chi arriva in Basilicata, anche se asintomatico, dovrà seguire un periodo di isolamento fiduciario di 14 giorni, in via precauzionale. Misure in atto per arginare l’epidemia che sta devastando l’Italia.