Coronavirus, c’è un legame con la malattia di Kawasaki? La scoperta dei pediatri

I pediatri dell’ospedale Papa Giovanni XIII hanno fatto una scoperta sconvolgente. Pare ci sia un legame tra il Covid-19 e la malattia di Kawasaki, una sindrome infiammatoria che colpisce soprattutto i bambini piccoli

Covid-19
Pixabay

Una nuova scoperta fatta dai pediatri dell’ospedale Papa Giovanni XIII di Bergamo desta preoccupazione. Infatti, pare ci sia una correlazione tra il Covid-19 e la malattia di Kawasaki, una sindrome infiammatoria che spesso colpisce i bambini piccoli e che può avere anche sintomi gravi.

In questo ultimo periodo si è assistito ad un boom di questa sindrome, tant’è che i casi riscontrati di questa patologia, in un solo mese hanno eguagliato quelli degli ultimi tre anni. Un dato sconcertante, che ha messo in allarme i pediatri.

Negli ultimi due mesi ci siamo accorti che arrivavano al pronto soccorso pediatrico diversi bambini con malattia di Kawasaki. In un mese il numero dei casi di questa patologia ha eguagliato quelli visti nei 3 anni precedenti. E si è calcolato che l’incidenza nell’ultimo mese è stata 30 volte superiore al passato, ha spiegato Lucio Verdoni, reumatologo pediatra dell’ospedale Papa Giovanni XIII.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Mascherine Coronavirus: al di sotto dei 6 anni non sono obbligatorie

Aumento di casi di malattia di Kawasaki in Piemonte, Liguria e Lombardia. Che cos’è questa sindrome?

Covid-19
Pixabay

Come hanno spiegato i pediatri bergamaschi: “In passato alcuni virus della famiglia dei coronavirus sono stati considerati come probabili induttori della malattia di Kawasaki. Oggi sappiamo che Sars-CoV-2 è uno di questi”.

Innanzitutto, cos’è questa malattia di Kawasaki? È un‘infezione che colpisce i vasi sanguigni e colpisce prevalentemente i bambini di età inferiore a 5 anni. I sintomi sono febbre prolungata, esantema, congiuntivite, infiammazione mucosa e labbra secche.

il presidente della Società italiana di pediatria, Alberto Villani rende noto all’agenzia Agi che “Abbiamo cominciato a raccogliere, da qualche settimana, una serie di dati, che indicano la presenza della malattia di Kawasaki in alcune aree del paese, in particolare in Lombardia, Piemonte e Liguria.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Simonetta, operatrice 44enne che assisteva gli anziani deceduta per coronavirus

Inoltre, sempre la Società italiana di pediatria ha inviato una nota ai pediatri in cui si legge: Una quota significativa di questi bambini con malattia di Kawasaki ha presentato, in occasione del ricovero o nelle settimane precedenti all’esordio, un tampone positivo per il virus SARS-COV-2 o ha avuto contatti con pazienti affetti”.