Elena Sofia Ricci: il dramma che ha dovuto sopportare all’età di 12 anni

Elena Sofia Ricci, in un’intervista al settimanale Oggi, parla di sé e del suo rapporto non sempre semplice in famiglia

Elena Sofia RicciLa regina della fiction torna stasera in tv come protagonista di “Vivi e lascia vivere“, in onda in prima serata su Rai 1. E questa volta lo fa con uno dei suoi amori più grandi della vita, la figlia Emma, 24 anni, avuta dal regista Pino Quartullo.

L’attrice, 58 anni di età e ben 40 di carriera, si racconta in una lunga intervista telefonica al settimanale Oggi e parla della sua quarantena e del rapporto non sempre facile in famiglia.

In questa fiction, la figlia Emma, che ha studiato regia e si è laureata al Dams, interpreta il personaggio di Elena da ragazza:”pensarla in questo ruolo mi diverte e mi emoziona” ha confessato l’attrice che poi inizia a parlare del suo ruolo di mamma.

Finalmente ho capito il tuo lavoro e l’impegno che richiede” le avrebbe detto la figlia mentre erano impegnate insieme sul set dell’ultima fiction. Parole che le hanno scaldato il cuore perchè essere una madre molto impegnata sul lavoro non deve essere stato facile, come non lo è per molte mamme lavoratrici.

Elena Sofia Ricci si definisce innanzitutto “una madre rompiscatole. In questo periodo anche di più” ma descrive la sua come una famiglia privilegiata oggi. Non è stato sempre così. Anche lei confessa di aver lottato e faticato perchè quando era ragazza ha inizato a lavorare vivendo in una casa di 24 metri quadri che condivideva con Andreina Camilleri, figlia di Andrea.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – TIZIANO FERRO, LA COMMOVENTE RISPOSTA AD UN FAN: “L’EROE SEI SOLO TU”

Elena Sofia Ricci racconta i momenti difficili del suo passato

Elena Sofia Ricci
Elena Sofia Ricci (foto Instagram @elenasofiaricci_officialpage)

Anche per la bella attrice c’è stato un momento della vita in cui “non si riusciva a mettere insieme il pranzo con la cena, soggiorni in alberghi senza stelle, delle delusioni, delle ferite dell’anima da curare…” ha confessato lei durante l’intervista. Tra le sofferenze del passato c’è sicuramente la separazione dei suoi genitori avvenuta quando lei era piccola, che l’ha costretta a stare lontana dal padre, ritrovato poi soltanto da grande.

Poi una delle vicende più drammatiche che una bambina possa vivere nella sua vita: a 12 anni Elena Sofia è stata abusata dal nonno di una sua amica. Una tragedia che è riuscita a raccontare solo dopo la morte della madre che, inconsapevolmente, l’aveva consegnata nelle mani del suo carnefice mandandola in vacanza con un amico di famiglia.

Da tutte queste esperienze ne è derivata, forse, la scelta di uomini sempre sbagliati da amare e circa due anni di analisi dallo psicologo. Finchè nel 2001 la sua vita cambia con Stefano Mainetti, compositore e professore all’Accademia di Santa Cecilia a Roma.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – BARBARA D’URSO: “NON TROVERÒ MAI NESSUNO COME LUI” E LO PRESENTA NEL VIDEO

Un incontro che lei definisce magico e misterioso e che quando lo ha visto la prima volta ad una festa di beneficenza, dentro di sè ha pensato “questo è l’uomo con cui voglio passare il resto della mia vita”. Il giorno dopo già convivevano!