Covid-19, cani da scudo contro il virus? Risponde la scienza

Il Covid-19 è al centro di tante ricerche scientifiche e nell’ultimo periodo gli scienziati dell’Università ‘Magna Græcia’ hanno ipotizzato che chi possiede un cane svilupperebbe la malattia in forma più lieve rispetto ad altri

Covid-19, cani da scudo contro il virus? Risponde la scienzaCovid-19, cani da scudo contro il virus? Risponde la scienza
Cane, Fonte foto: Pixabay

Secondo uno studio condotto dall’Università “Magna Græcia” di Catanzaro chi possiede un cane potrebbe contrarre il Covid-19 in forma più lieve rispetto ad altri. In poco tempo il Nuovo Coronavirus, con focolaio iniziale a Wuhan, è diventato un problema mondiale e tutti gli esperti sono in prima linea per cercare di comprendere quali possono essere le possibili cure e un futuro vaccino.

Lo studio citato in precedenza è stato effettuato dall’Magna Græcia” di Catanzaro insieme al Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università degli Studi di Milano, del Dipartimento di Scienze Biotecnologiche di Base, Cliniche Intensivologiche e Perioperatorie presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e del Dipartimento Scienze di Laboratorio e Infettivologiche presso la Fondazione Policlinico Universitario Gemelli IRCCS.

Il motivo per cui i cani farebbero da scudo contro il virus, spiegano gli scienziati, sarebbe da ricondurre alla somiglianza dei patogeni presenti nei cani e nei bovini con quello palesato in Cina; l’esposizione potrebbe dunque fornire uno scudo rispetto alla malattia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> GIUSEPPE CONTE, CONFERENZA STAMPA, MES E LOCKDOWN, PROLUNGAMENTO FASE 2

Covid-19, cani da scudo contro il virus grazie ad una possibile immunità nei confronti del virus

Covid-19, cani da scudo contro il virus? Risponde la scienza
Cane, Fonte foto: Pixabay

Lo studio condotto dall’Università Magna Græcia” di Catanzaro avrebbe dunque ipotizzato che chi possiede un cane avrebbe la possibilità di contrarre il Nuovo Coronavirus in forma più lieve rispetto ad altri.

Gli scienziati, in modo specifico, spiegherebbero questo fenomeno come: “gli epitopi immunoreattivi del coronavirus SARS-CoV-2 presentano un’elevata omologia con porzioni di proteine immunogeniche coinvolte nell’eziopatogenesi di alcuni coronavirus animali tassonomicamente correlati a SARS-CoV-2”.

Per quanto riguarda l’emergenza italiana, nel pomeriggio il Premier italiano Giuseppe Conte sarà di nuovo protagonista di una conferenza stampa in probabilmente prorogherà il lockdown oltre il 14 aprile (fino al 3 maggio).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA DURANTE IL CORONAVIRUS: COME FUNZIONA

In queste ultime ore, infatti, il Presidente del Consiglio dei Ministri sta lavorando ad un nuovo Dpcm in cui saranno specificate probabilmente le nuove misure e la possibile riapertura di alcune fabbriche, aziende e negozi.