“Non ha più senso vivere così”, l’anziano di Savona si toglie la vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:11

Un anziano di Savona si è tolto la vita. Non riusciva più a sopportare la distanza dai suoi nipotini a causa del blocco totale dovuto al coronavirusnonno nipote

Il Covid-19 ci sta lasciando in dote non solo morti e contagiati, ma anche storie collaterali davvero molto tristi. La quarantena forzata sta toccando nel profondo molti individui, tra cui gli anziani, che spesso si sentono soli, senza quel calore di figli e nipoti di cui notoriamente si nutrono. Ansia e depressione sono fenomeni da non sottovalutare in questa fase di quarantena che sembra interminabile. La solitudine non tutti è vissuta allo stesso modo e soprattutto quando le prospettive all’orizzonte non sono certe, può degenerare in episodi tragici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> LEONARDO GRECO, DOPO IL CORONAVIRUS: LA MALATTIA HA DEVASTATO OGNI COSA 

Coronavirus, la straziante storia di nonno di Savona

nonno nipoteIn tal senso ha toccato i cuori degli italiani, una storia proveniente dalla Liguria, nella fattispecie da Savona, dove un nonno ha deciso di farla finita buttandosi dalla finestra. A riportarla è  il noto portale della regione Il Secolo XIX. Prima di compiere il disperato gesto, l’uomo ha lasciato un bigliettino con poche parole, ma decisamente eloquenti: “Non riesco a vedere il mio nipotino. Non ha più senso vivere così”. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> CORONAVIRUS, LO SFOGO DI UN BAMBINO: “NON CE LA FACCIO PIù” 

Una tragedia che ha fatto seguito ad altri episodi analoghi in città, dove la paura ha preso decisamente il sopravvento. In età avanzata il non avere contatti con il mondo esterno può portare ad una negativa alienazione a cui ognuno reagisce in maniera puramente soggettiva. Ad aumentare il carico, c’è anche che i soggetti più a rischio in caso di contagio siano proprio gli anziani, per questo figli e nipoti cercano di tenersi a distanza per evitare di provocargli dei danni deleteri. Per alcuni nonni però questo distacco pesa come un macigno, spesso prevale l’inquietudine di non poter più riabbracciare i propri cari. Dunque, nonostante non si possa fare fisicamente, bisogna assolutamente tenere compagnia alle persone più avanti con l’età, anche attraverso telefonate costanti. Seppur non sia semplice, in qualche modo gli si deve far capire che non sono soli.