Coronavirus: la scioccante rivelazione dell’infermiera americana

Anche gli Stati Uniti stanno affrontando il Coronavirus. Al momento il Paese è duramente colpito e un’infermiera ha rilasciato una scioccante confessione.

Imaris Vera
Imaris Vera (fonte da Instagram @nurse.iv)

Quasi la totalità del mondo è colpita dal coronavirus. Il Presidente Trump dopo vari tentennamenti ha deciso di dichiarare lo stato d’emergenza nel Paese. Al momento l’area più colpita è quella di New York. Purtroppo i numeri del contagio sono elevatissimi, si parla di più di 300.000 mila e in un solo giorno si sono registrate 1200 morti.

Una situazione disastrosa. La popolazione comincia ad avere paura, tanto che le strade e le città si sono completamente svuotate. Nonostante la chiusura della maggior parte delle attività, non è stato dichiarato apertamente il lockdown come è successo nel nostro Paese.

Ovviamente come è facile immaginare i più esposti sono i sanitari che quotidianamente sono a contatto con i pazienti affetti da Covid19. Ma anche negli Stati Uniti la situazione negli ospedali non è rosea. Un’infermiera ha voluto denunciare tutto attraverso un video.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – CORONAVIRUS, SI TEME UNA POSSIBILE SECONDA ONDATA DI CONTAGI

Coronavirus: la denuncia dell’infermiera americana in lacrime

Un contesto davvero difficile quello americano. Un’infermiera Imaris Vera sul suo profilo Instagram ha racconatato di come lei e i suoi colleghi sono costretti a lavorare. Ciò l’ha condotta a prendere una decisione: quella di lasciare il suo lavoro.

Ho lasciato il mio lavoro oggi. Sono andata a lavoro e mi hanno assegnato un paziente Covid19. E ho scoperto che la mia unità è stata convertita per i pazienti Covid19. Nessuna delle infermiere sta utilizzando le mascherine, neanche quelle chirurgiche nei reparti e quando ci scambiamo i report ho la mia maschera N95. Ho parlato con il mio manager, so che abbiamo pochi materiali ma volevo proteggermi. Fatemi sentire protetta, ho una famiglia e devo tornare a casa. E da tutto quello che sto vedendo, sembra che le cose non miglioreranno. Gli Stati Uniti non sono preparati e le infermiere non hanno le protezioni

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – CORONAVIRUS, UNO STUDIO DESTA SCALPORE

Un messaggio straziante quello di Imaris che in lacrime denuncia la situazione poco confortevole in cui i sanitari negli Stati Uniti sono costretti a lavorare. Addirittura lei per proteggere se stessa e la sua famiglia ha deciso di abbandonare il suo lavoro perché impaurita dal virus, anche se non era la decisione che più amava