Coronavirus, uno studio desta scalpore: il virus sopravvive nell’aria

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:37

Secondo gli studi della Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti, sarebbe stato scoperto che il virus si trasmetterebbe anche tramite aria

Coronavirus, dagli Stati Uniti: viaggia anche con l'aria
Fonte foto: (Getty Images)

Non sono ancora del tutto chiare, le ultime novità a proposito della ricerca sul Coronavirusprovenienti dagli Stati Uniti.

Mentre si cerca la cura, proseguono anche gli studisul comportamento del virus e sulla sua trasmissione.

Ancora ad oggi, come del resto sin dai primissimo momenti, si pensa che il Coronavirus possa riuscire a passare da una persona all’altra solo tramite gocce di saliva e quindi, tosse o starnuti.

Un recente studio statunitense prova però a minare tale teoria, sostenendo che il virus possa rimanere nell’aria.

A dare la notizia è l’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti in una lettera ufficiale al capo delle politiche scientifiche della Casa Bianca. Il virus riuscirebbe infatti a percorrere oltre 1,8 metri da una persona all’altra, col semplice utilizzo dell’aria che respiriamo, per viaggiare. Se ciò venisse poi confermato da ulteriori ricerche, occorrerebbe probabilmente provvedere a un aumento delle misure di sicurezza circa le singole persone ed una maggior difficoltà nel prevenirlo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: DONATELLA RETTORE: “HO VINTO LA MIA BATTAGLIA CONTRO LA MALATTIA”

Trasmissione Coronavirus: avverrebbe anche tramite aria ad almeno 1,8 metri

Coronavirus, dagli Stati Uniti: viaggia anche con l'aria
Fonte foto: (Getty Images)

Il capo della commissione permanente sulle malattie infettive permanenti dell’Accademia di scienze americana, Harvey Fineberg, ha spiegato nella sua lettera i risultati di una ricerca condotta in Nebraska, dove in camere con pazienti ricoverati per il Coronavirus, sono state trovati campioni dell’RNA del virus a quasi due metri dai pazienti. Un riferimento, poi, anche agli studi di Hong Kong addirittura risalenti al 2000 che già sostenevano una tesi simile, all’epoca della pandemia Sars.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: WET MARKET: LE TERRIBILI IMMAGINI DEI MERCATI DI ANIMALI IN CINA

In queste stesse ore, da altre ricerche arrivano anche notizie che parrebbero essere davvero confortanti, a proposito di un vaccino tramite cerotto che potrebbe finalmente salvare tutti. Ma in attesa di soluzioni, il dibattito sul come il virus riesca a passare di corpo in corpo, si infiamma. Agli inizi di marzo, a preoccupare, ci fu già la ricerca pubblicata sul New England Journal of Medicine a sostenere che il virus sarebbe capace di restare in vita per almeno tre ore, tra aria e goccioline di saliva. Anche un’altra ricerca condotta a Wuhan intanto, tramite altri elementi, sembra mettere d’accordo i tanti scienziati che pensano possa essere ufficiale la notizia: il virus può trasmettersi anche tramite l’aria che respiriamo.

In una conferenza stampa di oggi però, l’Istituto Superiore di Sanità, fa sapere di non credere a queste teorie e che per ora gli elementi invece, non sono sufficienti per decretare che il virus non possa essere passato soltanto attraverso il diretto contatto con particelle di saliva.