Ermal Meta: “Quel momento con mia sorella lo voglio dimenticare”

Ermal Meta ospite a Verissimo racconta una parte della sua vita, in onda la sua intervista realizzata diversi mesi fa, su Canale Cinque.

Ermal Meta
foto Getty images

Silvia Toffanin accoglie in studio il cantante che con Fabrizio Moro ha anche vinto il Festival di Sanremo, l’intervista è andata in onda diversi mesi fa. Il programma è stato infatti sospeso per l’emergenza del Coronavirus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: LEONARDO PIERACCIONI: “CON MIA FIGLIA RICORDO ME STESSO”

Ermal Meta: “Ho fatto da fratello maggiore per mia sorella”

Ermal Meta ospite della puntata in replica di Verissimo racconta il suo rapporto con la musica e con la sua famiglia composta da un fratello e una sorella oltre che la madre.

Se sto tanto tempo senza far nulla mi annoio e se mi prendo una pausa dalla musica mi sembra di perdere tempo. Con i miei fratelli siamo molto legati, quando penso all’amore penso a loro e mi viene più facile parlane, giocavo da piccolo più con mio fratello ma mia sorella era una ragazza ribelle e per non dare pensieri a mia madre cercavo di aiutarla io, ma mi dava dei grattacapi assurdi, mi ricordo quando mi ha chiesto dei preservativi…quel momento con mia sorella lo voglio dimenticare. Ho fatto da fratello maggiore e ho fatto quel che potevo”.

“Mia madre ci ha unito e grazie a lei se abbiamo questo rapporto, grazie alla sua educazione molto severa, non ho mai scritto diari ma tutto quello che avevo dentro lo riversavo nella musica prima con il pianoforte e poi con la chitarra”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: GABRIELLA PESSION, UN CUORE SPECIALE

Per finire il cantante parla anche di un suo rapporto passato durato tantissimi anni: “La mia ultima canzone parla della persona che è stata accanto a me per nove anni, senza di lei non avrei fatto tutto quello che ho fatto, è stata la mia coperta e il mio ombrello, le ho fatto ascoltare la canzone io stesso. Le canzoni se non le tiri fuori ti uccidono, però ti danno sempre lo stesso brivido perchè ogni volta cambiano e mutano insieme a te, ma rimani sempre legato in qualche modo”.