Pomeriggio Cinque, parla Ministro per il Sud: “Aumenteremo i controlli”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:46

Pomeriggio Cinque torna con una nuova puntata in diretta, primo collegamento è quello con il Ministro per il Sud che parla con il Sindaco di Modica.

Pomeriggio Cinque, Ministro per il Sud
foto Giuseppe Provenzano

Barbara D’Urso torna con una nuova puntata in diretta che comincia subito con i nuovi aggiornamenti che riguardano l’emergenza del Coronavirus. A parlare per primo è il Sindaco Abate di Modica che ieri sera ha appreso la notizia della donna che si è spostata da Pavia verso Modica, da malata.

“Ieri siamo stati colpiti tutti, una signora di settantatrè anni che era da sua figlia a Pavia ha deciso di tornare a Modica, ha preso l’aereo a Milano per Roma, e poi arrivata a Catania con Alitalia, avendo le garanzie che la donna era in ottima salute. Il tassista ha capito da subito che ci stavano dei problemi, visto che la donna aveva tosse continua, poi si è sentita male e il 118 è andata a prenderla per portarla in Ospedale” ha ammesso il Sindaco.

Leggi anche: CORONAVIRUS, CARLO D’INGHILTERRA POSITIVO 

Pomeriggio Cinque, in diretta il Ministro per il Sud e il Sindaco di Modica

Pomeriggio Cinque si collega direttamente con il Ministro per il Sud, ovvero Giuseppe Provenzano che ascolta con molto interesse le parole del Sindaco di Modica, anche lui in collegamento.

La donna ora è intubata e in reparto di incubazione, sta lottando tra la vita e la morte, io punto il dito verso la figlia perchè non doveva farla partire, adesso bisogna ricostruire il percorso che ha fatto per arrivare qua. Tutte le persone che erano su quel volo si devono mettere in quarantena. Le persone entrano lo stesso perchè non ci sono i controlli, dovete mettere le persone all’ingresso della Sicilia” conclude il Sindaco di Modica.

Leggi anche: SOSPENSIONE MUTUO PRIMA CASA, COME RICHIEDERLO

Alle sue parole risponde il Ministro, che ammette: “E’ esattamente quello che avevamo già detto, alla luce dei Decreti che avevamo emanato nei giorni precedenti, io vorrei mandare un messaggio di solidarietà alla signora sperando che si rimetta subito e voglio ringraziare l’atteggiamento molto serio anche del Sindaco. Questa persona no doveva partire, non aveva ragione per farlo, poi si indagherà nel merito, però bisogna essere rigidi su questo, non si può mettere a rischio la salute delle persone. Ieri abbiamo anche aumentato le sanzioni, però dobbiamo controllare di più perchè forse qualcosa non ha funzionato è evidente” e ancora: “Tutto questo è vietato, non ci si può spostare, si stanno facendo tutte le mappature, il Governo si sta muovendo per questo. Nessuno vuole mettere fuori i Sindaci, tutti vanno ringraziati, le Forze dell’Ordine stanno lavorando come non mai, sono tutti dei lavoratori, questa partita la possiamo vincere tutti insieme. Quasi tutto è nella responsabilità di ciascuno di noi, questo è importantissimo” conclude infine il Ministro.