Paola Perego in lacrime a Storie Italiane: “Mi manca da morire”

In collegamento da casa sua, Paola Perego è intervenuta a Storie Italiane e ha parlato di lei e della sua famiglia in questo periodo di emergenza

Paola PeregoIntervistata da Eleonora Daniele nel programma di Rai Uno “Storie Italiane”, Paola Perego si è raccontata. “Mi manca da morire”, dice. Fa riferimento a Pietro, il nipotino che non vede più da quando è scattata l’emergenza coronavirus.

“Ha quasi 15 mesi. È simpatico, è fantastico – ha detto la Perego, commossa – facciamo le videochiamate. Ogni volta che sente una canzone lui adesso balla, gira su se stesso e cade. La gioia che ti portano i bambini è straordinaria.”

Paola Perego è lontana anche dai suoi genitori che si trovano a Brugherio, in Lombardia, in zona rossa tempo: “Si chiamano Pietro e Leonice. Stanno insieme da 56 anni – racconta Paola, con un velo di preoccupazione – sono preoccupata perché l’età ce l’hanno. Mio papà ha fatto 90 anni. Purtroppo non abbiamo potuto festeggiarlo come avremmo voluto tutti insieme. Lui lamenta il fatto che non vede Pietro e allora noi gli mandiamo i video. Mamma ne ha 83″. Ad assisterli però hanno una signora, che la conduttrice ringrazia, che li assiste giorno e notte, rendendo la situazione meno complicata.

A mancare a Paola Perego non sono solo le persone, ma anche gli amici a quattro zampe. Infatti le dispiace non poter vedere il cagnone Django, che vive insieme al figlio.

LEGGI ANCHE – “Ciao Darwin 8”, Paola Perego: chi è, carriera e vita privata della conduttrice

Negli anni la Perego ha sofferto di dolorosi attacchi di panico, un problema che affligge molte persone. Ora ha scritto un libro per aiutare ad uscirne chi ne soffre

'Ciao Darwin 8', Paola Perego: chi è, carriera e vita privata della conduttrice
Paola Perego (GettyImages)

“Io ho sofferto di attacchi di panico per tantissimo tempo – racconta con molta sincerità – ed ero una di quelle persone che si vergognavano a parlarne. Poi, andando avanti negli anni, l’ho detto una volta in un’intervista. A quel punto tantissima gente ha cominciato a scrivermi per dirmi che lo capivano e che anche loro soffrivano di attacchi di panico. Per cui ho pensato di scrivere la mia esperienza per dare coraggio a tutte le persone che stanno male e per trovare il coraggio di parlarne, così la genesi del suo libro.

Lo scopo che intende raggiungere con la pubblicazione dello scritto è quello di aiutare almeno una persona a curarsi perché dagli attacchi di panico si guarisce”, dice. La stesura del libro non è stata affatto facile: “Scrivere questo libro è stato abbastanza faticoso perché ho dovuto ripercorrere momenti della mia vita dolorosi però sono molto contenta. Vista la situazione di coronavirus, la data di uscita del libro è stata posticipata”.

LEGGI ANCHE – GF VIP: Carlotta Maggiorana lascia dopo gli attacchi di panico – VIDEO

Per concludere lancia un appello a tutti i cittadini: “Ci sono delle persone che muoiono. bisogna rimanere a casa, per noi e per gli altri”.