Inps, carta d’identità elettronica per lavoratori: quali cambiamenti comporterà?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:43

Presto la carta d’identità elettronica sarà obbligatoria per poter aver accesso ai servizi riservati ai lavoratori. Ecco come funzionerà questo strumento innovativo 

carta d'identità elettronica
Inps (foto web)

Dal 24 gennaio 2020 è ufficialmente partita la collaborazione tra l’Istituto di Previdenza Sociale e il Poligrafico e Zecca dello Stato. Questo percorso prevede l’obbligatorietà della Carta d’identità elettronica per accedere ai servizi Inps riguardanti il lavoro.

Nello specifico i cittadini potranno grazie a questo nuovo ed innovativo strumento, potranno usufruire del Portale dei pagamenti. Inoltre è possibile controllare la posizione contributiva e previdenziale ed entrare nell’area riservata ai servizi dedicati ai lavoratori.

LEGGI ANCHE -> Meno soldi sulle pensioni di Gennaio 2020, clamoroso errore dell’Inps

Carta d’identità elettronica, primo passo verso l’addio ai documenti cartacei

Carta di Identità elettronica (CIE): come e dove prenotare la richiesta
CIE (https://www.cartaidentita.interno.gov.it/caratteristiche-del-documento/)

Dunque, si tratta di un piccolo ed iniziale passo verso l’abolizione definitiva dei documenti in formato cartaceo. Il futuro sarà digitale e per questo sarà dato massimo spazio non solo ai servizi riguardanti alla Carta d’Identità elettronica, bensì anche alle altre carte digitali.

Ma non è tutto, questo percorso iniziato dall‘Inps e la Zecca dello Stato è un viatico verso l’abolizione totale dei contanti, che in molti paesi d’Europa e del mondo è già in stato più avanzato. In Italia anche per una questione culturale (non c’è l’abitudine a pagare cifre basse con la carta o bancomat), al momento questo progetto sembra un po’ più distante, ma è il tempo spesso e volentieri sa essere galantuomo.

LEGGI ANCHE -> Certificato medico malattia Inps 2020: cosa bisogna sapere

La soddisfazione del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese

Il nuovo provvedimento è stato accolto con grande entusiasmo da Luciana Lamorgese, Ministro dell’Interno del Governo Conte II. A suo modo di vedere può essere una novità molto utile per coloro che già dispongono del documento in formato digitale. Ha inoltre garantito che la massima sicurezza e quindi zero rischi riguardanti la privacy e possibile fuga di dati personali.

Raggiante anche il presidente dell’Inps Pasquale Tridico, che vede nel percorso appena intrapreso un’opportunità in più per i cittadini, i quali tramite l’area MyInps potranno avere a disposizione tutti i servizi online dell’Istituto di Previdenza Sociale. Insomma, un passo in avanti di grande valenza.