Un uomo fa causa al più famoso sito adult: “Violava i miei diritti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:39

Non riesce a godersi le scene perché non udente, uno statunitense ha citato in giudizio l’importante sito di video per adulti

Uomo fa causa a PornHub: "Sono sordo, mettete i sottotitoli"
Fonte foto: (shutterstock.com)

Yaroslav Suris, è un uomo non udente degli Stati Uniti, che ha fatto causa al noto sito di video a luci rosse, PornHub. L’uomo, dichiara che non tutti i video del sito sono muniti di regolari sottotitoli, quindi lui non riesce a capirne la trama.

L’uomo ha anche sottoscritto un abbonamento Premium e si aspettava un po’ di attenzione in più da un portale così importante. Il sito invece, violerebbe l’American Disabilities Act., non rispettando quindi, dei parametri importanti. La causa di questo passo, potrebbe andar persa dal conosciutissimo portale.

Suris, si è preoccupato anche, per non essere sprovvisto di prove, di segnarsi i titoli dei video che non sono muniti di regolare sottotitolatura per i non udenti. Al momento, l’uomo ne avrebbe trovati ben tre che non rispettano le norme, violando quindi, a suo parere, i propri diritti da disabile.

Leggi anche: Diletta Leotta sensuale anche in palestra: il lato B lascia senza fiato

È sordo, fa causa a PornHub perché non ha i sottotitoli

Uomo fa causa a PornHub: "Sono sordo, mettete i sottotitoli"
Schermata iniziale del sito in questione (Fonte foto: unionesarda.it)

Per i suddetti motivi, Yaroslav Suris, pensa di essere quindi in diritto di chiedere al sito a cui è abbonato, innanzitutto un risarcimento economico, anche se per ora non si sarebbe parlato di cifre esatte, e poi l’inserimento dei sottotitoli in tutti i video in cui mancano, compresi i tre che l’uomo avrebbe già provato a vedere, senza supporto per i dialoghi.

Leggi anche: Anna Tatangelo: la profonda trasformazione, ieri e oggi – FOTO

Altri siti di questo genere, sarebbero invece già al passo con le normative, con sottotitoli per tutti i video, proprio per non incappare in inconvenienti come questo. Una piccola colpa quindi, da parte del portale di free video di cui parliamo, che ne pagherà le conseguenze. Per adesso, il signor Corey Price, vicepresidente di PornHub, avrebbe commentato la vicenda asserendo semplicemente che il sito avrebbe una categoria apposita con i sottotitoli. Questo lascerebbe presagire che quindi in tanti video non ci sarebbero, proprio come dice Suris.

A proposito di App e tecnologia, state attenti, se avete questi telefoni, presto Whatsapp non vi funzionerà più.