Legge di bilancio, più soldi in busta paga da luglio 2020: ecco perché

La Legge di bilancio, come già è noto, cambierà alcune situazioni economiche per gli italiani infatti alcuni cittadini da luglio 2020 potrebbero trovare più soldi nella propria busta paga

Legge di bilancio, più soldi in busta paga da luglio 2020: ecco perché
Documenti, Fonte: Pixabay (https://pixabay.com/it/photos/scrittura-penna-uomo-inchiostro-1149962/)

Com’è già noto, la Legge di bilancio porterà diversi cambiamenti per le finanze dei cittadini italiani e alcuni di essi potrebbero ritrovarsi, nella propria busta paga di luglio 2020, più soldi rispetto al solito: ecco perché e chi percepirà il denaro. 

Tra i motivi vi è una minore tassazione sulla busta paga che permetterà ai cittadini, con un reddito che va dai 26 – ai 35 mila euro, di beneficiare di questa minore tassazione. All’interno, come si può intuire, vi sono anche quelli che già beneficiano del bonus Renzi.

Già dalla fine del mese corrente sarò aperto un tavolo in modo da permettere, entro luglio 2020, ai datori di lavoro di adeguarsi alla nuova tassazione.

La misura appena citata comincerà a dare i suoi frutti da luglio dell’anno corrente con una cifra di tre milioni di euro iniziali per poi diventare cinque milioni di euro l’anno venturo.

Si stima che i lavoratori che rientreranno i questa nuova misura sono 9,5 milioni più 4,5 milioni che non superano i 35 mila euro di reddito annuo.

LEGGI ANCHE–> Scuola, le nuove idee del governo per tutelare gli studenti

Legge di bilancio, più soldi in busta paga da luglio 2020: quali sono i vantaggi?

Legge di bilancio, più soldi in busta paga da luglio 2020: ecco perché
Porta documenti da ufficio, Fonte: Pixabay

Grazie alla Legge di bilancio 2020 i cittadini italiani possono sperare in una diminuzione delle tasse nella prossima busta paga di luglio 2020. I cittadini che beneficeranno di questa nuova misura, come già detto, sono quelli che hanno un reddito che varia dai dai 26 – ai 35 mila euro.

Ovviamente già dalla fine del mese corrente sarò aperto un tavolo in modo da permettere, entro luglio 2020, ai datori di lavoro di adeguarsi alla nuova tassazione.

Secondo i primi studi condotti, per i cittadini che hanno un reddito compreso tra i 26 mila e 35 mila euro annui la detrazione sarà di circa 80 euro. Per i beneficiari del Bonus Renzi, invece, gli 80 euro percepiti ogni mese verranno trasformati in detrazioni e saranno percepiti circa 20 euro in più rispetto al normale.

LEGGI ANCHE–> Meno soldi sulle pensioni di Gennaio 2020, clamoroso errore dell’Inps

Inoltre, per i cittadini italiani che dichiarano un reddito annuo che varia dai 8.200 e i 15.000 la tassazione dovrebbe restare invariata.