Sicilia: non si apre il paracadute, muore Luca Barbieri

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Muore un venticinquenne in Sicilia per uno sport estremo. Dopo essersi lanciato con una tuta alare, il suo paracadute non si è aperto

Sicilia: non si apre il paracadute, muore uno sportivo
Lancio con tuta alare (Fonte foto: Getty Images)

È morto sul colpo il venticinquenne, che ieri ha inseguito, per l’ultima, sfortunata volta, la sua passione.

Luca Barbieri si è lanciato da sessanta metri con una tuta alare, ma qualcosa è andato storto. Il paracadute, alla fine del percorso non si è aperto, lanciandolo verso una morte sicura.

Leggi anche: Vasco Rossi, il figlio Lorenzo confessa il suo dolore e l’odio ricevuto

Paracadutista muore in Sicilia: volo di sessanta metri

Sicilia: non si apre il paracadute, muore uno sportivo
Luca Barbieri (Fonte foto: Fanpage.it)

Luca Barbieri, venticinque anni, è morto al seguito di un lancio con tuta alare in cui non tutto è andato come previsto. Verso le 11 di ieri mattina, il paracadutista professionista, si era lanciato da un’altezza di circa sessanta metri, forse per un base jumping, a San Giuliano, Caltanissetta. Il giovane, era arrivato lì con un’amica di Catania.

Dopo il salto estremo, era prevista l’apertura di un paracadute per completare il volo, ma questo non è successo, uccidendo Luca. Il base jumping consiste in un salto nel vuoto muniti solo di paracadute, ma non è detto che Barbieri non indossasse la sua tuta alare, per un altro tipo di salto, che comunque prevede un atterraggio con l’apertura del paracadute stesso. Di fatto, il malfunzionamento dello strumento, è stato causa della sua morte. Luca era nato a Fidenza, in provincia di Parma e pocho mesi fa aveva perso un amico nello stesso modo.

Dopo il disperato allarme lanciato dalla sua amica, i soccorsi sono arrivati dal 118, centrale di Caltanissetta, con un’ambulanza ed un elisoccorso. I medici però, non hanno potuto non costatare che Luca Barbieri, era già morto e che quindi, non si poteva fare più nulla. Secondo le testimonianze, il venticinquenne si era già lanciato da altre zone, prima di provare l’ultimo volo dal viadotto da cui è balzato senza far ritorno. Barbieri, che aveva partecipato anche allo show Tu si que vales, tre anni fa, aveva già volato in diverse parti del mondo ed in Italia, questo hobbie lo aveva spesso portato sulle Alpi.

Leggi anche: Sanremo 2020, Amadeus travolto dalle critiche: cos’ha combinato ?