I 5 sintomi che ti fanno capire se hai la pressione alta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:16

I segnali che fanno capire che abbiamo la pressione alta spesso e volentieri vengono sottovalutati. Ecco quali sono e come riconoscerli

Pressione alta come riconoscerla
Fonte foto: (Getty Images)

La pressione alta è ormai una condizione molto diffusa. In molti casi però i sintomi attraverso cui si manifesta vengono ignorati.

Tecnicamente l’ipertensione è dovuta all’aumento della pressione nel sangue, nella fattispecie dai valori minimi e massimi della pressione arteriosa. Questa è determinata dalla quantità di sangue che il cuore pompa nelle arterie e quindi un aumento della pressione può provocare una minaccia per le arterie stesse.

In alcuni casi però è asintomatica anche per anni. Dunque è sempre bene controllare la pressione, in particolar modo per quanto riguarda i soggetti anziani, onde evitare danni ben più gravi. Le cause che possono portare all’ipertensione sono diverse, come ad esempio fattori di carattere ereditario, età avanzata, stress, fumo, obesità, sedentarietà ed eccessivo consumo di sale.

Non si tratta di una vera e propria malattia. Trascurarla però significa correre il rischio di poter incorrere in patologie ben più gravi in futuro su tutte angina pectoris, infarto miocardio ed ictus cerebrale.

Leggi anche -> Ora solare, i cibi che aiutano a contrastare la “depressione invernale”

Pressione alta, i sintomi che aiutano a riconoscerla

Pressione alta
Pillole e rimedi contro l’ipertensione

Dunque, il primo passo per poter contrastare l’ipertensione è riconoscere i fattori che la provocano. Ecco i sintomi comuni: mal di testa, in particolar modo nella fascia mattutina, stordimento e vertigini, ronzii nelle orecchie, improvvise alterazioni della vista (visione nera o di puntini) e perdite di sangue dal naso. 

Normalizzare la pressione sanguigna è il passo obbligatorio da fare in questi casi. Nei soggetti adulti dovrebbe attestarsi entro 140 quella sistolica (più comunemente definita massima) ed entro 85 quella diastolica (ovvero la minima). Per questo è bene seguire sia una cura farmacologica (che solitamente è cronica), sia un cambio dello stile di vita. Quindi spazio ad una dieta povera di sale e ad una moderata attività fisica (camminata veloce o cyclette). Inoltre sono da eliminare i vizi dannosi come il fumo e anche l’alcool va moderato.

Leggi anche -> Ylenia Carrisi: la verità del suo ritrovamento. La donna uccisa era Susanne