Omicidio Luca Sacchi, Del Grosso: “Non era mia intenzione uccidere”

Dichiarazione spontanea di Valerio Del Grosso che ammette di aver sparato a Luca Sacchi e dice che quella era la prima volta che toccava un’arma

Omicidio Luca Sacchi, Del Grosso: "Non era mia intenzione uccidere"
Fonte foto: (Getty Images)

Novità per quanto riguarda l’omicidio del ventiquattrenne, Luca Sacchi, ucciso la sera dello scorso 23 ottobre.

A parlare è il ventunenne, Valerio Del Grosso che ammette di aver sparato, ma, secondo lui, senza intenzione di uccidere. Al momento dell’aggressione, c’era anche una terza persona, Paolo Pirino.

Leggi anche: 70enne muore e il suo fedele amico gli resta accanto per 8 giorni

Omicidio Sacchi, Del Grosso: “Non volevo uccidere”

Omicidio Luca Sacchi, Del Grosso: "Non era mia intenzione uccidere"
Fonte foto: (Getty Images)

All’inizio dello scorso mese, fu proprio la mamma di Del Grosso ad intervenire in tv per chiedere scusa, per un omicidio, che ha ancora tanto di irrisolto. Le indagini, prima di restringersi su Del Grosso e Pirone, avevano coinvolto anche Anastasiya Kylemnyk, figurata a lungo sul registro degli indagati.

Nel pomeriggio di oggi, sono iniziati gli interrogatori, dall’interno del carcere di Regina Coeli, dove ha parlato anche Valerio Del Grosso, ventunenne che aveva già dichiarato di voler raccontare tutto, anche dove aveva nascosto la pistola che dovrebbe essere quella del delitto. Il ventunenne ha dichiarato che nel momento in cui si ritrovò il ventiquattrenne, personal trainer, Luca, davanti, non aveva intenzione di uccidere e che prima di allora, non aveva mai maneggiato un’arma da fuoco. La prima volta che furono interrogati, sia Del Grosso che Pirino, fecero scena muta.

Non è finita comunque per Anastasiya, ex fidanzata di Luca, che, come Giovanni Princi, è indagata per aver tentato l’acquisto di un gran quantitativo di droga. L’avvocato di Princi, amico di infanzia di Luca, ha parlato oggi per il suo assistito, dicendo che Giovanni sarebbe: “Addolorato per la morte dell’amico Luca”, terminando: “Per lui è stata una vicenda dolorosissima”. Princi, si è ancora una volta avvalso della facoltà di non rispondere, e l’avvocato Massimo Pineschi ha commentato: “Per lui è la prima esperienza detentiva, potete immaginare ora come sta”.

Intanto tra gli indagati, figura anche Marcello De Propis. Sarebbe stato lui infatti, a consegnare la pistola con cui Del Grosso e Pirino, avrebbero aggredito ed ucciso Luca Sacchi. Per De Propis quindi, l’accusa è di concorso in omicidio.

Leggi anche: Strage di Corinaldo, l’appello di un padre in nome della figlia