Strage Novi Ligure , la nuova vita di Erika De Nardo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:54

Si sposa Erika De Nardo, diciotto anni dopo aver commesso, insieme all’ex fidanzato, Omar, il terribile delitto di Novi Ligure

Strage Novi Ligure , la nuova vita di Erika De Nardo
Fonte foto: (Getty Images)

Si è sposata Erika De Nardo. Diciotto anni fa, responsabile insieme all’allora fidanzato Omar, dell’omicidio di Novi Ligure, dove a morire furono la madre ed il fratello di lei.

Erika, in libertà dal 2011, inizia ora “Una nuova vita”, come dice Don Mazzi, prete che ha ospitato Erika per diverso tempo, nella sua comunità chiamata Comunità Exodus.

Leggi anche: Uccide la moglie a colpi di pietra: tanta ferocia nell’ultimo caso di femminicidio

Delitto Novi Ligure, si sposa Erika De Nardo

Strage Novi Ligure , la nuova vita di Erika De Nardo
Fonte foto: (Getty Images)

Diciotto anni fa fu lei a compiere l’efferato delitto di Novi Ligure, in provincia di Alessandria, con l’aiuto dell’allora fidanzato, Omar. Erika De Nardo, che nel 2001 aveva 16 anni, oggi si sposa. Don Antonio Mazzi ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito, al settimanale Oggi. Secondo lui, Erika avrebbe maturato la giusta consapevolezza per il delitto commesso e nel processo di redenzione, sarebbe stato molto importante il padre. Ad essere uccisi, in quel tremendo delitto di diciotto anni fa, la mamma di Erika, Susi Cassini, ed il fratellino Gianluca di soli undici anni, colpiti da 96 coltellate. All’epoca fu proprio la giovane a dare l’allarme e a dire che era l’unica sfuggita al massacro nella sua casa, dove la mamma ed il fratello erano stati aggrediti da sconosciuti con dei coltelli. A prove acquisite poi, la giovane, allora sedicenne, ed il fidanzato, Omar, di quattordici anni, furono arrestati.

La condanna fu emessa dal Tribunale dei minori di Torino e confermata dalla Cassazione. La pena però non è mai stata scontata per intero, per le leggi sulla buona condotta e per l’indulto, Omar tornò in libertà nel 2010, mentre Erika, riuscì a tornarci soltanto un anno dopo. La famiglia di Omar, si trasferì poi da Asti ad Acqui Terme ed Omar, ha provato a far ripartire la sua vita dalla Toscana, con una compagna. Erika, dopo essere stata ospite per diversi mesi della Comunità Exodus, ha poi ripreso gli studi, raggiungendo prima il diploma e poi la lauea con 110 e lode in Filosofia.

Leggi anche: Real Time, vite al limite: la storia di Cillas è sorprendente