Manovra 2020 – cosa cambia? Tasse su affitti e vendita della casa

Fa discutere molto la manovra finanziaria 2020 attuata dal governo Pd – Movimento 5 stelle: cosa cambia e quali tasse ci sono su affitti e vendita della casa?

Manovra 2020 - cosa cambia? Tasse su affitti e vendita della casa
Euro (janeb13, pixabay)

Approvata la manovra finanziaria 2020 da parte dell’esecutivo Partito Democratico – Movimento 5 stelle, e ci sono alcune novità in merito all’economia e alle tasse che gli italiano dovranno pagare, tra cui quelle sugli affitti e vendita della casa: ecco cosa cambia.

Cresce la cedolare secca per quanto riguarda gli affitti, potrebbe arrivare dal 10% al 12,5% con un aumento del 25%; sono previsti aumenti anche per il registro di compravendita, pare del 300% in più.

LEGGI ANCHE –> Anticipazioni | LA7, Otto e mezzo | stasera tra gli ospiti c’è Carlo Calenda

Un’ipotesi riguarda inoltre l’unione tra Imu e Tasi, con un aumento che si agirebbe dallo 0,76 allo 0,86 per mille.

Interessante il “bonus facciate”, per chi intende rifare la facciata dei palazzi, che potrebbe arrivare a toccare anche un credito fiscale pari al 90%.

LEGGI ANCHE –> Anticipazioni | LA7, Piazzapulita | propaganda russa e Richard Gere

Come cambia la tasca degli italiani con la manovra economica 2020: tasse su affitti e vendite della casa

Presenti anche degli incentivi nella manovra, come il piano casa, cioè finanziamenti ai comuni per un massimo di 20 milioni per progetto.

Poi c’è il bonus per le ristrutturazioni edilizie per restauroovvero entro il 31 dicembre 2020, per chi ne usufruisse, dovrebbe esserci una detrazione del 50% fino a 96mila euro di spesa divisa in 10 quote annuali.

LEGGI ANCHE –> Anticipazioni | Rete 4 – Dritto e rovescio | tra gli ospiti Silvio Berlusconi

Sui mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica elevata, per quanto riguarda la ristrutturazione, ci sarà un risparmio Irpef o Ires che si attesterebbe al 50%.

Restano anche il sisma bonus, con detrazioni fino all’80% e la misura ecobonus con detrazioni al 50 o al 65% per chi effettua lavori inerenti all’efficienza energetica degli immobili.