Sondaggi, la Lega di Salvini paga la crisi di governo: la situazione

Stando agli ultimi sondaggi elettorali, la scelta di Matteo Salvini di aprire la crisi di governo non starebbe premiando il suo partito, la Lega, che comunque resta in vantaggio

Sondaggi, la Lega di Salvini paga la crisi di governo: la situazione
Matteo Salvini (Getty Images)

Sono giorni concitati e d’attesa, di discussioni e scenari possibili e potenziali, quelli inerenti al futuro del governo italiano con l’ipotesi nuova maggioranza PD – Movimento 5 stelle a tenere banco: martedì, secondo la timeline imposta dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, arriverà una decisione definitiva inerente alla crisi.

In attesa dei prossimi risvolti, stando agli ultimi sondaggi elettorali, la scelta di aprire la suddetta crisi di governo da parte del vicepremier, leader della Lega e ministro dell’Interno Matteo Salvini non sarebbe stata premiata dai cittadini: si registrerebbe infatti un calo delle preferenze della Lega, che comunque resta in vantaggio rispetto agli altri partiti.

LEGGI ANCHE –> INTESA M5S-PD, DUE I NODI: TAGLIO DEI PARLAMENTARI ED IL CONTE BIS

Crisi di governo, la Lega di Matteo Salvini avrebbe perso 7 punti in 14 giorni: i sondaggi

La scelta di aprire la crisi di governo, insomma, si sarebbe rivelata una sorta di boomerang per il leader della Lega Matteo Salvini, stando ai più recenti sondaggi politici.

“Tecnè” per “La Repubblica”, mostra come primo partito d’Italia la Lega, che avrebbe preferenze pari al 31,3%; tuttavia, se paragonato al sondaggio di Ipr Marketing per “La 7” risalente allo scorso 10 agosto, un periodo precedente alla crisi, il consenso registrato dal Carroccio era pari al 38%. Rispetto alle Europee, inoltre, il partito leghista starebbe perdendo 3 punti percentuali.

Il Movimento 5 Stelle recupererebbe parzialmente le preferenze, attestandosi al 20,8%, mentre il Partito Democratico salirebbe al 24,6%.

Intanto, ciò che attesta “Tecnè” è l’intenzione di andare al voto da parte degli elettori:

Elettori Lega:

  • Il 62 % degli elettori leghisti auspicherebbe un veloce ritorno alle urne, tra ottobre e novembre;
  • Il 24% invece aspetterebbe la legge di bilancio; il 5% sarebbe contrario ad un nuovo governo con il M5s.

Elettori Movimento 5 stelle:

  • Il 47% degli elettori del M5s andrebbe al voto quanto prima;
  • Il 18% si dice favorevole ad un intesa col PD mentre l’8% gradirebbe una nuova alleanza con la Lega.

Elettori PD:

  • Il 69% degli elettori PD preferirebbe l’opzione urne; il 35% vorrebbe aspettare la legge di stabilità mentre il 24% andrebbe al voto il prima possibile;
  • Il 22% dei DEM auspicherebbe un’intesa col M5s mentre il 5% con Forza Italia.