Trump, ipotesi acquisto della Groenlandia dalla Danimarca

Per il Wall Street Journal, il presidente USA Donald Trump starebbe pensando ad acquistare, dalla Danimarca, la Groenlandia

Trump, ipotesi acquisto della Groenlandia dalla Danimarca
Groenlandia (Pixabay, Petra4711)

Una notizia curiosa arriva direttamente dagli Stati Uniti d’America, con il Wall Street Journal che spiega dell’ipotesi d’acquisto dalla Danimarca, da parte degli USA, della Groenlandia: l’idea sarebbe nata dal presidente americano, il Tycoon Donald Trump.

Proprio Trump, infatti, stando a quanto riportato dal quotidiano, starebbe pensando alla possibilità di acquisire il territorio autonomo danese e si sarebbe più volte informato con i suoi collaboratori su questa possibilità.

Come l’acquisizione di un’isola, la più grande al mondo, da parte di un Paese da un altro possa avvenire, è tutto da scoprire; tuttavia è possibile che il presidente degli USA ne parli e ne discuta direttamente con la premier Mette Frederiksen, nel corso della prossima visita ufficiale a Copenaghen.

LEGGI ANCHE –> SPREAD – VALORE DI OGGI | AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE | DIRETTA 16 AGOSTO

USA, Trump potrebbe acquistare la Groenlandia dalla Danimarca: il precedente

Ipotesi particolare e curiosa quella raccontata dal Wall Street Journal, con il Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, che sarebbe interessato, e sarebbe seriamente intenzionato, alla possibilità di poter acquisire l’isola più grande del mondo, la Groenlandia, dalla Danimarca.

2 166 086 km², dei quali 1,7 milioni ghiacciati, e circa 56 mila abitanti; i motivi dell’interesse sarebbero relativi allo sfruttamento della posizione strategica della Groenlandia, senza dimenticare le grandi risorse naturali a disposizione dell’isola.

Inoltre, in tal modo, il Tycoon potrebbe lasciare in eredità un territorio, come fece già in passato un suo illustre predecessore, Eisenhower, che si occupò dell’annessione agli Stati Uniti dell’Alaska.

Nel 1946, il presidente Harry Truman provò con un medesimo tentativo, offrendo all’epoca al Paese danese, una cifra che si aggirava sui 100 milioni di dollari; tale ipotesi però naufragò con la proposta che venne bocciata.