Salvini chiude il Cara di Mineo ma salva i cani

Salvini chiude il Centro di Accoglienza di Mineo lasciando gli a casa centinaia di lavoratori ma si preoccupa dei 117 cani rimasti senza nessuno.

salvini mineo cara cani
Cani randagi nel Cara di Mineo (Getty Images)

A pochi giorni dalla visita presso il Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo (Cara) di Mineo, in provincia di Catania, il più grande centro immigrati in tutta Europa, il ministro Salvini lancia un appello sui social per i cani che sono rimasti nella struttura che chiuderà definitivamente il 31 agosto: “Amici, abbiamo bisogno di voi! 117 cani sono gli ultimi ospiti del CARA di Mineo che come promesso ieri abbiamo chiuso, risparmiando un sacco di soldi. Entro il 31 agosto questi amici devono trovare una nuova casa!”

Il centro di accoglienza è già stato sgomberato dagli immigrati ma restano ora da sistemare questi animali randagi e la richiesta di aiuto del Sindaco di Mineo Giuseppe Mistretta – riproposta da Salvini – è quella di farsi avanti per adottare i cani, che altrimenti finiranno in un canile.

Leggi anche –> Ragusa, falcia 3 bambini alla guida di un Suv: arrestato

Salvini, Cara di Mineo: manda via i lavoratori, ma salva i cani

La richiesta di aiuto per i cani del Cara di Mineo da parte di Salvini arriva a pochi giorni dalla protesta dei lavoratori del centro di accoglienza che resteranno senza lavoro a seguito della chiusura definitiva della struttura prevista per la fine del mese di agosto. Mentre il ministro dell’Interno vede la chiusura del Cara come risparmio di “un sacco di quattrini”, le centinaia di persone che prestavano accoglienza nel centro la pensano diversamente e hanno organizzato un sit in di protesta manifestando con fischietti e striscioni con la scritta “Lasciati in mutande” e urlando “buffone” al vicepremier. Nonostante le preoccupazioni dei disoccupati e del sindaco stesso, Salvini ha rassicurato che “i cittadini del Calatino e di Mineo non verranno lasciati soli perché questo è l’inizio di un percorso di rinascita”.

Leggi anche –> Fondi russi alla Lega, Savoini: “Trappola per Salvini”