De Laurentiis duro: “Calcio Italiano? Spaccio di droga e steward collusi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:41
AURELIO DE LAURENTIIS CALCIO ITALIANO DROGA STEWARD
Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis

Aurelio De Laurentiis ha parlato a margine del Forum CorSport sui problemi del calcio italiano: “Nelle curve droga e steward collusi”

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha partecipato al forum organizzato dal Corriere dello Sport dal titolo “Il calcio che vogliamo”. Nel corso del suo intervento il presidente del Napoli ha fatto una accurata analisi dei principali problemi del calcio italiano. In particolare, De Laurentiis ha denunciato lo spaccio di droga nelle curve e la presenza di steward collusi. “Abbiamo lo spaccio della droga dentro gli stadi, parliamo delle curve come tifo sano, ma il tifo sano delle curve non può partecipare, non può parlare. Le persone non possono nemmeno sedersi dove hanno il loro posto, perché ci sono 300-400 persone lo vietano. Ci sono persone che scrissero manifesti contro di me perché presi Sarri, adesso ne parlano tutti”.

LEGGI ANCHE —> VIOLENZA NEGLI STADI, ARRIVA L’AGENTE INFILTRATO

Droga e steward collusi negli stadi italiani

Aurelio De Laurentiis ha avuto parole dure anche per la politica che, a suo avviso, non fa quanto dovrebbe per contrastare il fenomeno del tifo violento. “L’unico ministro dell’Interno che si fece sentire, fu quello dei tornelli. Su mio intervento, Renzi ed Alfano fecero un regolamento innovativo: dal 2014 si può dare il daspo ad esempio anche a chi ha commesso reati nell’arco di cinque anni, ma i questori si cacano sotto di daspare, dovrebbe essere automatico, il biglietto automaticamente non deve essere proprio emesso. Parliamo dell’interruzione delle partite? Ci deve pensare il questore? Ma cosa ne sa il questore. Paghiamo la Polizia senza che sia negli stadi, e avete anche inventato il problema degli steward che a volte sono collusi con la malavita. Questo è il Paese più corrotto del mondo”.

LEGGI ANCHE —> SALVINI SUI CORI RAZZISTI, LA REPLICA AL NAPOLI: “SBAGLIA SE SI FERMA”