Truffe Amazon, è possibile evitarle? Come proteggersi

Aumentano sul web le truffe Amazon, volte a rubare i dati sensibili dei clienti. È possibile evitare di incappare in queste frodi? Ecco le informazioni.

Sempre più spesso ci affidiamo all’online per poter fare tutti gli acquisti comodamente da casa nostra. Internet offre in effetti la possibilità di poter comprare qualsiasi tipo di oggetto proveniente da ogni parte del mondo in pochi semplici passaggi. In più sono davvero tantissimi i siti che offrono ciclicamente sconti a tutti i propri clienti, che sono costantemente invogliati dunque a fare acquisti.

truffe Amazon
Facebook

Chi però acquista on-line sa anche che bisogna stare molto attenti perché il settore dell’e-commerce è comunque soggetto a insidie. Truffe Amazon ad esempio dilagano sul web, mettendo in pericolo i clienti che si affidano a questa piattaforma. Ma come si può evitare di cadere in questi tranelli? Scopriamone di più sull’argomento.

Truffe Amazon, un modo per difendersi

Aumenta sempre costantemente il numero delle persone che decidono di affidarsi all’online per poter fare i propri acquisti. Su Internet infatti si ha letteralmente libero accesso ad ogni paese del mondo, che in vari siti e-commerce propongono le proprie merci a prezzi competitivi. Si può davvero acquistare qualsiasi tipo di cosa, in modo molto semplice e veloce. Inoltre la maggior parte delle persone si affida all’online anche per trovare i propri prodotti preferiti con prezzi davvero competitivi, che probabilmente nei negozi della propria città non sempre si trovano.

Questo non vuol dire però che in realtà la gente non esce più per fare i propri acquisti in negozi fisici, anche se generalmente si aspetta per farlo soprattutto il momento dei saldi per poter acquistare un po’ più liberamente. In ogni caso sono tanti i siti di e-commerce a cui la gente si affida per fare le proprie spese, ma purtroppo l’online, come già anticipato è un luogo anche pieno di insidie.

Aumentano infatti costantemente coloro che cercano di imbrogliare le persone spacciandosi per siti di e-commerce tra i più importanti e cercando di rubare l’identità e soprattutto i dati relativi alle credenziali di account o informazioni bancarie. Non sono poche ad esempio le persone che sono state colpite da truffe Amazon, ricevendo mail di truffatori che tentavano di sottrarre i propri dati personali ai clienti. Quest’anno ad esempio Amazon Italia è stata colpita ripetutamente da tali truffe che generalmente avvenivano sempre nelle medesime modalità.

Gli utenti con un account registrato a questa piattaforma ricevevano mail o messaggi da parte di quella che sembrava essere davvero la piattaforma, con tanto di nome visibile. In realtà si trattava di truffe in cui la persona frodata si ritrovava ad avere comunicazioni in cui ad esempio si millantavano regali vinti o problemi con la spedizione in cui si invogliava a cliccare un link, che avrebbe portato poi a rubare tutti i dati sensibili della persona.

Pare che Amazon fortunatamente abbia introdotto una tecnologia che si occupa della verifica delle mail in moltissimi paesi, più di venti, e che ha il compito dunque di cercare di identificare quelle che sono le mail di phishing. Chi usa ad esempio Yahoo, Gmail e altri tipi di posta elettronica tra i più utilizzati dunque adesso ha una sicurezza in più sotto questo punto di vista.

Anche se in realtà non ci sono dei veri e propri programmi che azzerino del tutto la possibilità di incappare in truffe, esistono comunque dei metodi e consigli che si possono attuare per non cadere nei tranelli:

  • Prima di tutto bisogna sempre verificare tutti gli acquisti che sono stati fatti su Amazon prima di cliccare su qualsiasi link in mail inviate di cui non si è certi della provenienza. Basta andare sul proprio account della piattaforma tramite sito internet o app e controllare tutti gli ordini che sono stati fatti e vedere se effettivamente si aspetta un pacco dall’azienda meno.
  • Bisogna poi stare assolutamente attenti ai messaggi che si dichiarano “urgenti”, perché i truffatori generalmente puntano proprio su questo tipo di sentimenti per frodare la gente e persuaderla a cliccare sui link. Generalmente questo tipo di messaggi non vengono mai inviati dall’azienda.
  • Affidarsi dunque al sito o all’App è sicuramente la scelta più intelligente perché l’azienda non chiede mai tramite mail o telefono di fare pagamenti, ma solo tramite i metodi elencati per primi.
  • Altro punto da sottolineare è che non bisogna mai cedere a chi fa pressione per acquistare un buono regalo, perché non è nella politica dell’azienda quello di spingere a tutti i costi la propria clientela a fare questo tipo di acquisti.

In generale dunque è sempre meglio diffidare delle mail che invitano a cliccare link e per qualsiasi dubbio è sempre meglio controllare direttamente sulla piattaforma tutti gli acquisti fatti, contattando magari direttamente l’assistenza dell’azienda per qualsiasi tipo di dubbio.