Disney Plus, aumento vertiginoso e pubblicità: tutti i cambiamenti dall’8 dicembre

Aumenti e pubblicità sono previsti per gli abbonati di Disney Plus dal prossimo 8 dicembre. Ci sono tanti cambiamenti in attesa: ecco che cosa c’è da sapere a riguardo e i piani di abbonamento.

Le piattaforme di streaming stanno alzando poco a poco i prezzi. Segno della crisi economica che sta affrontando tutto il mondo preoccupa anche i giganti della tecnologia. Una difficoltà che sta affrontando tutto il settore, tanto che non solo hanno deciso un aumento degli abbonamenti, ma anche la novità di aprirsi alle pubblicità tra uno spettacolo e l’altro. Andiamo a vedere tutte le novità in arrivo.

disney plus
fonte foto: AdobeStock

Se la segmentazione dei contenuti è già un bel po’ preoccupante e complicata da gestire tra le piattaforme di streaming. La novità di adesso è che Disney Plus ha aderito a un doppio trend: l’aumento dei prezzi per gli abbonamenti e la scelta di offrire un servizio più conveniente in cambio di spot pubblicitari. Non è del tutto una sorpresa, visto che i risultati finanziari del secondo trimestre non erano molto soddisfacenti.

La notizia è che il servizio di video on demand ha già comunicato una data per l’aumento dei prezzi e l’incorporazione della pubblicità. Con l’entrata in scena del piano Premium per chi non vuole vedere gli spot. Parliamo di giovedì 8 dicembre, dove tutte le novità saranno proiettate sui dispositivi degli abbonati che dovranno scegliere qual è il piano migliore per le loro esigenze.

Disney Plus abbonamenti: cambiano le tariffe con la pubblicità

A pochi mesi dal lancio del piano pubblicità di Netflix, anche Disney Plus ha deciso di muoversi in questa direzione. Anche se le tariffe sono un po’ più care. Per il momento, gli unici prezzi ufficiali che si leggono sono per il mercato statunitense. Le nuove tariffe, come anticipato, entreranno in vigore l’8 dicembre.

Per quanto riguarda il piano base, la tariffa offerta va da un costo di 7,99 dollari a 10,99 dollari al mese. Se invece l’utente non vuole pagare di più e desidera mantenere lo stesso prezzo che stava pagando fino ad ora, può continuare a pagare 7,99 dollari al mese, ma in cambio dovrà avere le pubblicità.

Quindi, il prezzo annuale rimane a 79,99 dollari con l’aggiunta della pubblicità. Mentre per coloro che non desiderano guardare gli spot pubblicitari e passare direttamente allo spettacolo devono pagare un abbonamento di 109,99 dollari all’anno. Possiamo dire che i prezzi sono stati mantenuti, ma aggiungendo pubblicità, dovendo pagare un sovrapprezzo per rimuovere questa pubblicità.

Che cosa accadrà in Italia?

In Italia, se si mantiene la politica di Disney Plus che verrà lanciata negli Stati Uniti, implicherebbe il mantenimento di una tariffa mensile di 8,99 euro al mese in cambio della riproduzione della pubblicità. Mentre il prezzo annuale rimarrà fisso a 89,90 euro. In questo modo, potremmo pensare che la tariffa senza pubblicità potrebbe costare 11,99 euro al mese. Mentre la tariffa annuale aumenterebbe il suo prezzo a 119,90 euro.

Cioè parliamo di un costo aggiuntivo di 3 euro al mese per la tariffa mensile e 2,5 euro al mese se si effettua un abbonamento annuale senza guardare la pubblicità. Per ora non vi è alcun annuncio ufficiale a riguardo. È facile fare riferimento a Netflix o Amazon, dove i prezzi sono inizialmente aumentati negli Stati Uniti, raggiungendo il resto dei paesi qualche mese dopo. In quest’ottica, è logico pensare che in Italia e in Europa il prezzo del servizio aumenterà nel corso della prima metà del 2023.