Tragedia nello sport, morto Davide Rebellin: incidente mortale per l’ex ciclista

Una vera tragedia ha colpito il mondo dello sport in queste ultime ore. È morto l’ex ciclista Davide Rebellin, un incidente gli è stato fatale: ecco che cosa è successo e come sono andate le cose.

Terribile notizia ha sconvolto gli appassionati del ciclismo e dello sport in generale in queste ore. È venuto a mancare tragicamente l’ex ciclista veneto. La notizia è rimbalzata da una parte all’altra del web, dove in molti si sono uniti al dolore della famiglia e dei compagni di squadra. Andiamo a vedere come sono andate le dinamiche dell’incidente.

davide rebellin
fonte foto: Ansa/AdobeStock

Il mondo del ciclismo è sotto shock dopo la notizia della scomparsa prematura dell’ex ciclista italiano. In questi ultimi minuti, la maggior parte delle testate nazionali ha riportato l’annuncio della morte di Davide Rebellin, si tratta di un ex ciclista veneto che è stato coinvolto in un brutale incidente. Lo sportivo è morto all’età di 51 anni e da qualche anno aveva lasciato l’agonismo.

La notizia è stata riportato da Il Giornale di Vicenza che ha spiegato quello che è successo. In tantissimi, sia tifosi ed appassionati di ciclismo che non si sono uniti al dolore della famiglia e dei suoi ex colleghi. Molti sono i messaggi sui social di persone incredule su quanto accaduto. La ricostruzione dell’incidente è stata riportata dal quotidiano locale.

Come è morto l’ex ciclista Davide Rebellin?

La scomparsa dell’ex ciclista Davide Rebellin ha lasciato increduli tutti i fan e gli sportivi. Soprattutto per come è avvenuta la tragedia. Secondo quanto si legge sull’Ansa, lo sportivo è venuto a mancare dietro ad un incidente stradale che è avvenuto a Montebello Vicentino, una piccola località in provincia di Vicenza. È qui che si è consumata la tragedia che ha gelato una intera comunità.

Le prime ricostruzioni hanno rivelato che Rebellin era in sella alla sua bicicletta quando ad un certo punto ha avuto uno scontro frontale con un camion. Il tutto si sarebbe consumato nei pressi di uno svincolo autostradale. A quanto pare, il camionista non si sarebbe accorto di aver urtato l’ex ciclista e quindi avrebbe proseguito la sua corsa.

Uno dei primi a scrivere su quanto accaduto è stato il campione di ciclismo Vincenzo Nibali che si è detto scioccato su Twitter da quanto appreso. Una tragedia che ci fa ricordare quanto avvenuto a Michele Scarponi nel 2017, morto in condizioni simili. Un destino crudele è capitato anche il ciclista danese Chris Anker Sørensen morto nel 2021.

Chi era Davide Rebellin?

Per quanto riguarda le informazioni che abbiamo su Davide Rebellin possiamo dirvi che era originario di San Bonifacio, un comune in provincia di Verona. Era nato il 9 agosto 1971 ed è stato uno dei più famosi ciclisti su strada italiano. La sua è stata una lunga carriera che lo ha portato a raggiungere importanti traguardi e numerose vittorie.

È stato un ciclista professionista dal 1992 al 2022, considerato uno degli specialisti delle corse classiche. Nella sua carriera ha vinto una edizione dell’Amstel Gold Race, trionfo arrivato nel 2004. Ha trionfato per tre volte nella Freccia Vallone, precisamente nel 2004, 2007 e 2009. E per una volta della Liegi-Bastogne-Liegi nel 2004. Ha vinto poi una sola tappa del Giro d’Italia.

Davide Rebellin: il caso doping, evasione fiscale e l’assoluzione

Gli appassionati di ciclismo di sicuro si ricorderanno quando Rebellin conquisto l’Argento ai giochi olimpici di Pechino 2008. Una medaglia che gli è stata revocata dopo che era risultato positivo al doping il 28 aprile 2009. Come si legge sulla Gazzetta dello Sport, l’ex ciclista era positivo inizialmente al CERA.

La decisione del CIO di levargli la medaglia aveva spinto Rebellin ad impugnare la sentenza e aveva denunciato le procedure. Una carriera che è stata compromessa, ma la sua soddisfazione arriva dopo sette anni. Era il 30 aprile 2015 quando è stato assolto dalle accuse sia per quanto riguarda il doping che quelle su evasione fiscale. In quanto il “fatto non sussiste”.