Occasioni di lavoro da non perdere: tempo indeterminato e stipendio alto

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Diamo una occhiata alle offerte di enti pubblici e grandi aziende, che possono metterci nella condizione di aspirare legittimamente ad una quanto mai meritata serenità occupazionale.

La Gazzetta Ufficiale “diventa”, più che mai in questo delicato momento economico, come una vera e propria “bibbia” per coloro, tanti giovani e non solo, sono alla ricerca di un lavoro stabile che rappresenti una svolta per la propria vita.

LAVORO A TEMPO INDETERMINATO
Fonte foto Canva

Al Nord, in Lombardia ed Emilia Romagna, in particolare, spuntano concorsi di una certa solidità, che rappresentano certamente, più che in questo frangente, il fiore all’occhiello nell’ambito delle ricerche di lavoro e meritano la giusta considerazione.

Naturalmente occorre predisporsi ad avere innanzitutto i giusti requisiti, anche perché, come spesso accade, la selezione è rigorosa e lo stipendio, con partenza di 1500 euro a tempo indeterminato, rappresenta di certo una occasione da non perdere.

Cominciamo dal “suggestivo” bando dell’Arera, che mette nella condizione, 23 “fortunati” di avere un posto fisso nell’area metropolitana di Milano. Tutto questo per aprirsi di fatto la strada ad una carriera di funzionari che di certo appare ambitissima.

Gazzetta Ufficiale: spiccano le offerte di lavoro di Milano e Bologna

Si tratta dell’Autorità amministrativa indipendente, che promuove lo sviluppo di mercati competitivi nelle filiere dell’energia elettrica, del gas naturale e dell’acqua potabile. Viene finanziato da contributi calcolati sui ricavi degli operatori regolati.

Ampliando il discorso, va detto che L’Autorità di regolazione per l’energia, le reti e l’ambiente (ARERA) è il regolatore multisettoriale indipendente per l’intero Paese. Impiega personale a tempo indeterminato (208 persone), personale a tempo determinato (14 persone) e personale distaccato da altre amministrazioni nazionali (16 persone).

I suoi ricavi provengono solo da soggetti regolati, nel 2020 sono stati pari a 68,95 milioni di euro. I poteri di regolazione del servizio idrico integrato sono stati conferiti con legge nel 2011.

Entriamo nei dettagli dell’offerta di lavoro “milanese”, oltre alle altre di cui abbiamo già parlato, e cerchiamo di comprendere quali sono le posizioni lavorative a cui si può ambire.

Milano, ecco i ruoli ricercati da Arera

  • 3 laureati in Giurisprudenza, 4 laureati in Economia, 3 laureati in Ingegneria o titoli equipollenti.
  •  2 laureati in Ingegneria ambientale, civile o chimica.
  • 2 laureati in Informatica o Ingegneria informatica ed esperienza in ambito banche dati e architetture datawarehouse complesse.
  • 1 laureato in Economia o affine con esperienza come controller e/o materie legate all’economia aziendale. Altri 3 economisti, invece, con competenze di gestione dei servizi di pubblica utilità e/o regolazione economica dei mercati, analisi di bilancio o risk management.
  • 1 laureato in discipline economiche, statistiche o informatiche con esperienza nel settore della distribuzione del gas e/o elettricità.
  • 2 laureati in Ingegneria o materie economiche e/o statistiche con competenze nei processi di mercato e di settlement dell’energia elettrica e/o gas.
  • 2 laureati in Ingegneria elettrica o energetica ed esperienza affine.

Ma non è finita qui. Sempre la Gazzetta Ufficiale, più che mai punto di riferimento, ci illustra una nuova interessante offerta per Bologna, città sempre piena di vita e di fermento lavorativo, oltre che uno dei primissimi centri universitari del nostro Paese.

L’offerta di lavoro riguarda gli infermieri, una categoria quanto mai in questo momento in una posizione delicatissima che, seppur forte del nuovo contratto della sanità, soffre di fatto, almeno nel mondo pubblico, di uno degli stipendi in assoluto più basso d’Europa. Si ricercano 62 infermieri (cat. D) a tempo indeterminato, di cui 61 a tempo pieno e 1 a tempo parziale