Quale app consumano più dati internet? Oltre WhatsApp, tanti casi

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Tutti abbiamo un piano tariffario con una quantità di dati prestabiliti. Questi si consumano con il nostro utilizzo. Ma quali sono le app che incidono di più? Non esiste solo WhatsApp.

La connessione internet è fondamentale sia in casa che fuori. Ogni piano tariffario, però, non è sempre uguale e si lega alle varie offerte. Di base, però, c’è una quantità di giga che ogni persona ha a disposizione. Una volta finiti bisogna attendere il rinnovo a meno che non ci siano altri tipi di accordo. Per questo dobbiamo gestire bene l’utilizzo delle applicazioni. Non è solo WhatsApp che consuma molto.

app consumano internet
Fonte Foto Canva

Anche fuori casa proprio non riusciamo a staccarci dal nostro smartphone. La connessione Internet è diventata praticamente fondamentale. Il consumo della nostra connessione dipende molto dal nostro utilizzo. Cosa che ci fa, in prima battuta, sottolineare che il consumo non può essere uguale per tutti. Di riflesso, però, dobbiamo comunque avere una gestione oculata del nostro utilizzo.

Ogni giorno utilizziamo tante applicazioni, da WhatsApp fino ai social. Tutte queste hanno un grande consumo di dati. Molti pensano che il discorso si limita all’app di messaggistica ma non è affatto così. In questo ambito entrano anche tante altre app. Scopriamo insieme, dunque, quali sono queste applicazioni e come ridurre il consumo.

Quale App consumano di più? Non solo WhatsApp: ecco come non spendere troppa connessione

Ci sono varie app che possono incidere in maniera pesante sulla propria connessione. Il controllo sui consumi può avvenire sia su dispositivi Android sia su quelli di casa Apple. Alla fine, però, l’attenzione deve cadere soprattutto sulle app che ci conducono ai social e ai servizi di streaming. WhatsApp, in genere consuma poco, ma tutto cambia con un uso frequente. Ad esempio, se scambiamo documenti oppure facciamo videochiamate o chiamate.

Per evitare di rimanere a secco possiamo andare nelle impostazioni alla sezione “Spazio e dati“. In questo caso mettiamo che il download dei media avvenga solo se siamo sotto Wi-Fi. Tale scelta non permette lo scaricamento, e il consumo, dei contenuti che riceviamo. Nella stessa schermata selezioniamo “Risparmio dati” per la qualità del caricamento dei contenuti. Usiamo mento dati anche per le chiamate con l’apposita voce. In questo modo, anche l’utilizzo di WhatsApp sarà più leggero.

Come risparmiare ulteriormente sulla connessione

Detto di WhatsApp anche altre applicazioni portano ad un consumo non indifferente. Facebook richieste un grande scambio di dati. In questo caso possiamo andare a selezionare la qualità dei video in risparmio dati, tramite le impostazioni. Possiamo anche togliere la riproduzione automatica. Stesso discorso vale per Instagram. Nelle impostazioni possiamo selezionare la possibilità di usare meno dati.

Pesano anche programmi come YouTube, Spotify e Netflix. Per quanto riguarda “Il Tubo” possiamo andare nelle impostazioni e selezionare la qualità video in risparmio dati su reti mobili. Per Spotify possiamo attivare il risparmio dati. Anche per Netflix vale lo stesso discorso. Per la piattaforma di streaming andiamo in impostazioni e selezioniamo il risparmio dati per la riproduzione video.

Il consumo in merito alle applicazioni non è tutto. Ci sono delle app che possono essere pericolose. Una volta installate, possono spiarvi. Mettendo, così, in serio pericolo la nostra privacy.