Comprare casa o restare in affitto: cosa conviene veramente?

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Acquistare casa, tenendo conto della delicata contingenza economica attuale, legata all’aumento del tasso sui mutui, oppure limitarsi ad un affitto continuativo? Un dilemma di non poco conto rispetto al quale proviamo a dare delle risposte.

Non c’è dubbio che l’acquisto di una casa sia una decisione importante nella vita, ma è davvero la cosa giusta per te? La tua posizione lavorativa è così solida da permetterti il massiccio peso di un mutuo e un impegno così duraturo con le banche?

comprare-casa-affitto-costi_optimized-2
Fonte Foto Canva

Oppure sarebbe meglio rimanere in affitto in attesa che la propria situazione lavorativa diventi nel tempo più solida e stabile? Naturalmente, non esiste un’unica risposta corretta, poiché ci sono pro e contro sia nell’affitto che nell’acquisto. Un fattore importante nel tuo processo decisionale, tuttavia, sono le tue finanze personali. Nella maggior parte dei casi, l’affitto sembra essere l’opzione più conveniente se la tua posizione lavorativa non ti consente l’esposizione di un mutuo.

Senza dimenticare che con la crisi economica in corso, sembra assurdo ma è così, le banche hanno stretto le maglie sulle garanzie da richiedere anche per i mutui on line, consapevoli che è sempre più difficile per il cittadino medio mantenere in modo costante determinati impegni finanziari in modo continuativo nel tempo.

Tuttavia, non è sempre così. La tua decisione può ridursi a diverse considerazioni sullo stile di vita, ad esempio se desideri flessibilità o stabilità, se ragioni con ponderazione su quali sono i tuoi obiettivi di carriera e se desideri un posto davvero tuo.

Differenze tra muto e affitto: prezzi e costi

Se sei indeciso se affittare o acquistare, ci sono diverse considerazioni di cui tenere conto, senza dimenticare che oltre alla situazione delle tue finanze personali, devi tenere conto delle tue prospettive di vita. In altre parole, hai intenzione di mettere radici nella tua comunità o desideri maggiore flessibilità, magari valutando serenamente che il tuo lavoro potrebbe un giorno condurti altrove?

Se sei certo che rimarrai in una casa per almeno 5 anni, l’acquisto di una casa potrebbe avere senso. Tuttavia, l’affitto potrebbe essere l’opzione migliore se preferisci essere più un viaggiatore incallito. Ad esempio, supponiamo che speri davvero di ottenere quella promozione di lavoro, ma potrebbe condurti lontano da dove vivi ora. In questo caso, un’agenzia immobiliare ti chiederà solo una caparra di due o tre mensilità e le tasse sul contratto d’affitto.

Occasionalmente, l’affitto, quindi, può essere più economico dell’acquisto di una casa a causa dei costi iniziali coinvolti. Ciò include un acconto, i costi di chiusura, i costi di trasloco, eventuali lavori di ristrutturazione e altre attività di manutenzione della casa.

Detto questo, solo perché puoi permetterti una rata del mutuo non significa che puoi permetterti di possedere una casa; le spese si sommano. Oltre a un pagamento mensile superiore al capitale e agli interessi del mutuo, avrai anche tasse sulla proprietà, assicurazione sulla proprietà della casa e (in molti casi) assicurazione sul mutuo. Per questo la risposta non è in nessun caso scontata e devi pensarci davvero bene!