Bollette, il trucco che non ti aspetti: ecco come risparmiare sul riscaldamento

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Le bollette della luce e del gas si fanno sempre più pressanti. Tanti sono i tentativi di risparmio. In vista dell’inverno, un trucco inaspettato potrebbe farti risparmiare sul riscaldamento. Ecco di cosa si tratta.

I prossimi mesi, come già anticipato da esperti e politica, saranno particolarmente difficili. Sia sul lato economica che sul lato energetico, le notizie non potrebbero essere positive. Per questo motivo, si cerca in ogni modo di abbassare il consumo anche tramite alcuni personali accorgimenti.

Bollette, riscaldamento
Fonte foto: Adobe Stock

L’aumento delle bollette è chiaro ed è sotto gli occhi di tutti. Sia la luce che il gas hanno sostenuto degli aumenti dei prezzi davvero molto pesanti. Senza un serio aiuto dal nuovo governo targato Giorgia Meloni, gli italiani riceveranno delle autentiche batoste. Per questa ragione, l’inverno spaventa non poco. Molti, infatti, segnalano la volontà di risparmiare sul riscaldamento di caldaie, termosifoni e stufe.

Lo scenario economico per tantissime persone è a dir poco complesso. Lo stipendio non basta anche se si possono pagare le bollette senza bonus. Per arginare questa situazione, dunque, va attuato un cambio di abitudini. Gli stessi italiani hanno iniziato a modificare il loro ambiente unendo tutto con il risparmio. In questo caso si parla di un trucco che permette di avere un certo risparmio nonostante il riscaldamento.

Bollette, come evitare il prezzo alto con il riscaldamento? Ecco il trucco dei fogli termoriflettenti

Ci sono tante alternative per mettere in atto un risparmio in questo contesto. Una scelta profonda è dettata dal passaggio alle stufe in pellet. A tal proposito, molti si chiedono se il costo sarà più alto o più basso rispetto al gas. Se la scelta, invece, ricade sui termosifoni dobbiamo prestare attenzione alla temperatura e all’orario. Anche se un trucco, segnalato dal decalogo Enea, riguarda il saper incanalare l’energia. Come? Tramite dei pannelli termoriflettenti.

Questi pannelli hanno la capacità di riflettere il calore. La loro dimensione è variabile e, in genere, si attesta su pochi millimetri. Sono studiati per evitare la dispersione delle temperature alte negli ambienti domestici. La dispersione, infatti, è un fattore comune. Questa avviene per colpa di un tetto isolato male, muri esterni e serramenti.

Se impiegati, permette di riscaldare le stanze dopo aver spento i termosifoni per un periodo di tempo lungo. Questo prodotto è composto da polietilene fisico che viene reticolato a cellule chiuse. Da questo passaggio si capisce perché hanno la capacità di isolare il calore. All’esterno, sono composti, quasi tutti, da alluminio. I pannelli non sono solo termoriflettenti e termoisolanti ma sanno anche essere impermeabili.

In sintesi, una volta spenti i termosifoni, l’energia viene riflessa nell’ambiente così da non dissolversi immediatamente tramite l’ambiente circostante. Questo accorgimento è facile da mettere in pratica ed è molto vantaggioso. Vantaggi che, almeno per il momento, pochi mettono in pratica. Per posizionare il pannello accuratamente basta porlo dietro il termosifone. Con l’esposizione dell’alluminio si attuerà il mantenimento del calore. Tale pratica garantisce un certo risparmio, si parla di una percentuale che tocca quota 10.