Fatichi ad arrivare a fine mese? Scopri come richiedere 550€ all’INPS

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Altro bonus da 550 euro per una certa categoria di lavoratori. La domanda va eseguita entro il 30 novembre. Vediamo insieme in cosa consiste l’incentivo e come fare la domanda.

Gli incentivi toccano qualsiasi ambito. Il periodo economico è molto difficile da gestire. Sia pensionati che lavoratori stanno avendo sempre più difficoltà a confrontarsi con il costo della vita. Per questo i bonus possono essere una soluzione per dare, in qualche modo, respiro a chi è più in difficoltà.

Bonus 550 euro
Fonte foto: Adobe Stock

Il mondo del lavoro è composto da tantissimi protagonisti. Non ci sono solo chi ha un contratto a tempo indeterminato. Ci sono tante altre situazioni in cui il lavoro è solo parziale durante la giornata. Ci riferiamo alle persone che hanno firmato un contratto part time. Per loro è il bonus che arriva fino a 550 euro.

Gli incentivi sono davvero tantissimi e viaggiano tutti in direzione di fornire un giusto sostegno. Come, ad esempio, il bonus INPS da 800 euro solo per alcuni genitori. Dai genitori si passa ai lavoratori dipendenti di aziende private che hanno firmato un part time a ciclo verticale. Vediamo nei dettagli questo incentivo e come fare la richiesta.

Bonus da 550 euro per lavoratori part time a ciclo verticale: dettagli e come fare richiesta

Il contributo riguarda i lavoratori che nel 2021 hanno lavorato con un contratto part-time ciclico verticale. Questo contratto riguarda l’impiego del dipendente solo per alcuni giorni, settimane o mesi. Il periodo per attivare il contratto è di almeno 7 settimane senza superare le 20. In aggiunta non deve avere un altro lavoro e non deve accogliere assegni di trattamento pensionistici o NASPI. Per tale incentivo. il fondo è di 30 milioni di euro. La platea di beneficiari si stima a 55.000 lavoratori.

La richiesta va presentata all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS). L’Istituto, tramite messaggio numero 3097 del 5 agosto 2022, ha chiarito che la domanda va presentata o tramite portale oppure tramite call center o CAF e patronato. L’accesso al portale avviene tramite SPID, CIE o CNS. Mentre non si può accedere tramite PIN.

La procedura per fare la domanda è già attiva e lo sarà ancora fino al 30 novembre 2022. La richiesta può essere fatta tramite “l’indennità una tantum per i lavoratori a tempo parziale ciclico verticale”. Si arriva alla sezione, dal portale INPS, dopo essere arrivati a Servizi e poi Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche.

Dopo aver eseguito la domanda sarà l’INPS a verificare la veridicità dei dati immessi. Dopo la verifica, si passerà all’erogazione. Bisogna fare presto a fare la domanda perché, in caso di esaurimento fondi, la misura subirà uno stop. Questa misura, una tantum, può essere legata all’assegno ordinario di invalidità. Quindi, è cumulabile in questa circostanza. Da segnalare che tale cifra non partecipi alla formazione del reddito.