Come scovare un truffatore? I consigli da non perdere assolutamente

Sempre più le truffe stanno colpendo tante persone. I tentativi sono molteplici e tutti molto pericolosi- Ma come fare per scoprire un truffatore? Alcuni metodi sono davvero semplici da mettere in pratica.

Le truffe, sia online che nella realtà, sono all’ordine del giorno. I tentativi da parte dei malintenzionati sono moltissimi e l’agguato è sempre dietro l’angolo. I dati dimostrano come il numero delle vittime sia altissimo. Numeri che hanno fatto muovere le autorità a fare un elenco su come difendersi in tali situazioni.

Truffatore
Fonte foto: Adobe Stock

Il mondo della truffa è molto vasto e complesso. Ci sono tantissimi protagonisti in gioco ed evitare risvolti negativi non è sempre facile. Anche perché tantissime persone non sanno individuare un truffatore. La difficoltà, quindi, non è solo capire che una data comunicazione è l’esca ma anche che dall’altra parte c’è un criminale.

Nella storia ci sono stati tantissimi casi di truffatori che sono stati scoperti dopo tanto tempo. A dimostrazione di come molti non sappiamo cosa valutare durante queste situazione. Tra i casi storici verificati di recente c’è quello di un truffatore che si è spacciato per medico ed infermiere. Insomma, le vicende di questo tipo sono davvero tante. Ma come si fa a scoprire un truffatore? Devono essere considerati alcuni elementi.

Come scoprire un truffatore? I metodi da segnare

La prima strada da considerare è la ricerca online. Tale percorso permette di scoprire se ci sono segnalazioni in merito. La ricerca non si chiude solo attorno al nome ma anche all’indirizzo e ad altri dettagli di questo tipo. Insomma, tutto per scoprire se ci sono segnalazioni. Se notiamo che non ci sono commenti negativi non dobbiamo pensare subito che sia un aspetto positivo. Ci possono essere altri dettagli da considerare.

Un altro aspetto frequente è la ricarica postepay, questa può essere preludio della truffa. Naturalmente ci sono molti che la usano in maniera onesta ma chi dice di fare un pagamento con carta intestata ad un’altra persona, molto probabilmente, lo fa perché è in atto una truffa. Attenzione anche all’impossibilità di consegnare di persona. Siti come Subito o Ebay sono molto al limite in tale faccenda. Se nel caso ci fosse la possibilità di incontrarsi per chiudere l’affare e il venditore si nega, allora lasciate perdere.

Altro dettaglio da considerare è quando si parla di una tassa per sbloccare il bonifico. In questo caso è solo un tentativo per rubarvi più soldi. Le tasse in tal senso non esistono. Chi lo dice è perché vi sta truffando. Sempre rimanendo in tema, il truffatore può chiedervi di mostrare il vostro documento per spedirvi la merce. Per acquisire fiducia lo fa mostrandovi il suo che naturalmente risulta falso, a differenza del vostro.

Di solito ci sono annunci dove c’è una sola foto. Quando si chiedono altre foto, il venditore inizia ad accampare scuse. Nel caso, meglio vedere altri annunci. Altro aspetto da considerare è l’IBAN. Prima questo era sinonimo di conto in banca, oggi molte prepagate lo hanno. Buona parte di queste operazioni conducono ad una truffa. Anche se un oggetto appare unico ma poi inviando, da un altro account, un’altra richiesta risulta disponibile allora meglio evitare.

Questi sono alcuni esempi da seguire ed è giusto mantenere cautela durante gli acquisti online. A maggior ragione se non c’è un sistema che permette di garantire l’assoluta affidabilità di chi vende.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità - 104 e news