Riscaldare la casa senza accendere i termosifoni: attenzione alla bolletta

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il prossimo inverno dovremmo fare conti importanti con il freddo. La gestione del calore sarà fondamentale per non avere problemi in bolletta. Ci sono alcuni accorgimenti per riscaldarsi che possono fare al caso nostro.

I costi energetici e la quantità a disposizione di gas preoccupano molto in vista dell’inverno. Le temperature segneranno numeri sempre più bassi ma le contro misure non potranno essere quelle degli scorsi anni. Il motivo è semplice e riguarda l’eventuale prezzo da pagare in bolletta. Per questo motivo vanno, già da ora, pensate a delle soluzioni economiche alternative.

Riscaldarsi casa fredda
Fonte foto: Adobe Stock

Già il governo, qualche settimana fa, ha dato delle direttive specifiche di abbassare di qualche grado il riscaldamento. Oltre all’abbassamento della temperatura si è indicata anche una riduzione del tempo. Insomma, non si potrà godere dei proprio dispositivi per riscaldarsi troppo eccessivamente.

Nel corso del tempo, sempre più persone hanno fatto affidamento ai riscaldamenti. Sono tanti i dispositivi che mettono in atto tale situazione. Tante, quindi, sono le comodità che dovremmo saper gestire. Per non incidere in bolletta si potrebbero applicare anche delle strategie alternative. Cosa che permetterebbe di non utilizzare il proprio strumento di riscaldamento. E, di conseguenza, non avere una bolletta dalla cifra altissima.

Soluzioni economiche per riscaldarsi in una casa fredda: le tecniche da considerare

Tante persone sono abituate a lasciare il riscaldamento acceso per tutto il giorno così da avere la casa sempre calda. Questa stagione, però, non permetterà tale scenario. Per non rischiare di pagare cifre esorbitanti in bolletta, meglio correre ai ripari. A maggior ragione se dovremmo applicare una riduzione della temperatura.

Un primo importante passaggio può essere rappresentato dal vestirci in maniera più coperta. Indossiamo maglioni, ancora meglio se dolcevita. In alternativa va bene anche una felpa con pantaloni rinforzati. Quando stiamo andando per dormire dovremmo abbassare ancora il riscaldamento. Per questo meglio fare affidamento ad uno scaldasonno. Il suo utilizzo può avvenire 30 minuti prima che si va a letto. Questo ci permetterà di avere il letto caldo per tutta la notte. Per non avere freddo alla testa possiamo dormire anche con un cappello.

Anche le bevande calde possono fare al caso nostro. Se non si è a dieta, una tisana oppure un tè, una cioccolata possono rappresentare un tassello importante. Il riscaldamento corporeo passa anche dall’attività fisica. Di tanto, in tanto possiamo anche effettuare alcuni saltelli sul posto.

Altra soluzione può essere rappresentate anche dall’acqua calda messa in una borsa o in una bottiglia. Per chi sta seduto, infatti, può essere oggetto di riscaldamento. Così da dare calore a tutto il corpo.

Infine, occhio sempre alla manutenzione. I termosifoni si potranno accendere ma con una gestione oculata. Prima, però, giusto vedere se sono in condizione ottima per permettere la loro efficacia. Quindi, attenti alla manutenzione per evitare problemi a seguito a degli errori.