Truffa WhatsApp, vi rubano l’account: come difendersi? Ecco i dettagli

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Una nuova truffa WhatsApp sta preoccupando i vari utenti. In questo caso, la vittima perde completamente il controllo dell’account. Vediamo come si verifica e come fare per riprendere il proprio account.

Gli hacker, tramite il web, hanno trovato un’altra strada per mettere in pratica tentativi illegali. Nel corso del tempo si sono sempre più adeguati alle evoluzioni, portando ad affidare le proprie tecniche. Nel loro cerchio è entrata anche la famosa app di messaggistica, WhatsApp.

Truffa WhatsApp
Fonte foto: Adobe Stock

Gli attacchi tramite questa applicazioni sono davvero tanti. I tentativi di phishing, ormai, sono conosciutissimi. Nonostante tale conoscenza, le vittime continuano a salire di numero. La truffa WhatsApp, in questo caso, vede una particolare richiesta arrivare in chat. Cosa che porta l’utente a fidarsi così da cadere in trappola e perdere l’account.

Come anticipato, gli hacker hanno trovato il modo di inserirsi in questa applicazione. Di recente, un’altra truffa ha preoccupato ed ha portato la polizia postale a diffondere un comunicato. Evoluzione che dimostra di come i dati sulle vittime sia sempre più alto. Un numero altissimo che non può certamente passare in sordina. Questa volta, la modalità in cui si muovo gli hacker è molto specifica. Una sorta di catena di sant’Antonio. Vediamo a cosa stare attenti e come recuperare, in caso di svolta negativa, l’account.

Truffa WhatsApp, il codice da non inviare: come funziona e come difendersi

Il mondo virtuale ha dato tantissimi aspetti positivi ma, come spesso accade, ci sono anche degli angoli negativi. Questo è rappresentato dai molteplici tentativi di truffa che si sono sviluppati nel tempo. Di recente, un inganno che sta facendo tante vittime fa perdere l’account di WhatsApp.

Questo scenario mette in atto una richiesta di un determinato codice che sarebbe stato mandato per errore. Questa richiesta viene fatta da un contatto che abbiamo nella nostra rubrica. Ragion per cui, tendiamo a fidarci. Quel codice richiesto, però, serve a confermare l’autenticazione a due fattori. Così da rendere completa la truffa WhatsApp. L’invio del codice fa perdere immediatamente l’account concedendo lo stesso ai truffatori. Questi, dal loro canto, prenderanno il possesso di tutto, avendo accesso ovunque.

Prima si è parlato di catena di Sant’Antonio. Questo perché il messaggio arriva da un nostro contatto che ha dato il codice e perso l’account. Quindi si attiva un effetto domino che potrebbe non finire mai.

Per difenderci da tale tentativo attiviamo sempre l’autenticazione a due fattori. Questa si può attivare nelle impostazioni dell’app. Si potrà inserire un codice a sei cifre così da stare del tutto tranquilli. Il recupero dell’account si potrà verificare tramite un nuovo accesso e inserendo il codice ricevuto tramite SMS. L’unico aspetto da non dimenticare è la rapidità. Bisogna agire in fretta prima che gli hacker attivino loro l’autenticazione a due fattori. Nel caso, dobbiamo affidarci alle autorità competenti.

Questa applicazione sta diventando spesso teatro di questi tentativi. In questi giorni stanno circolando anche dei messaggi che promettono buoni benzina. Una truffa a cui bisogna stare decisamente attenti dato che vi svuotano il conto.