Attenzione alla truffa alla nigeriana: ecco come ti mettono in trappola

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La truffa alla nigeriana esiste da molto tempo. Questa truffa invita le vittime a inviare una piccola somma di denaro con la promessa di ricevere in cambio una somma molto maggiore bloccata in un paese straniero. 

Lo sviluppo dell’e-mail ha reso molto più facile per i truffatori raggiungere nuove vittime. È difficile trovare statistiche che riflettano i costi reali delle frodi sulle commissioni avanzate come la truffa nigeriana.

truffa alla nigeriana
fonte foto: AdobeStock

L’Internet Crime Report 2017 dell’FBI e l’nternet Crime Complaint Center (IC3) afferma che gli americani hanno perso quasi 58 milioni di dollari quell’anno a causa di frodi tariffarie anticipate. Molte persone sono sicure di poter riconoscere i tentativi di frode, ma resta chiaro che chiunque può cadere vittima di truffe online.

Gli ultimi dati affermano che gli utenti di Internet millennial hanno maggiori probabilità di essere truffati rispetto a qualsiasi altro gruppo di età, tuttavia, i cittadini più anziani sono spesso ingannati nel dare maggiori somme di denaro. È importante che tu possa riconoscere un’e-mail truffa nigeriana se ne ricevi una.

La truffa 419 è una famigerata tattica di frode a pagamento avanzata che ha avuto origine in Nigeria e da allora si è diffusa in tutto il mondo. La fonte più nota per queste e-mail è la Nigeria, ma possono provenire da qualsiasi luogo. In Nigeria, il crimine è diventato per alcuni una fonte di reddito significativo, sebbene la sezione 419 del codice legale nigeriano lo vieti (da cui il nome).

Truffa alla Nigeriana, ecco come individuarla

Come funziona la truffa? Una persona aprirà il proprio account e-mail e troverà un’e-mail che afferma di provenire da un principe nigeriano o da un politico esiliato. La persona può affermare di provenire da un paese che ha subito disordini civili.

L’e-mail spiegherà che a causa dell’instabilità politica o della morte di un parente c’è una quantità significativa di denaro intrappolata in un conto. Continua spiegando che se il lettore potesse per favore inviare solo una piccola somma di denaro, pagherà le commissioni per accedere al conto. Così da sbloccare l’intera cifra per entrarne “magicamente” in possesso.

In cambio della sua fiducia e generosità, all’ignaro utente viene promessa una grande percentuale di denaro che non arriverà mai. Le truffe on line con richieste di commissioni per sbloccare presunte mega cifre sono all’ordine del giorno e di recente, con modalità simili, richieste del genere potrebbero arrivare anche su whatsapp.

Sfortunatamente, se una persona decide di inviare denaro, verrà presto seguita da una richiesta di altro. Secondo le successive email inviate dal truffatore, spesso vengono scoperti costi imprevisti, come l’aumento delle tasse o le tangenti ai funzionari. I truffatori continueranno a chiedere soldi fintanto che la vittima li invierà. Inutile dire che non verrà mai inviato alcun tipo di pagamento promesso alla vittima, indipendentemente dall’importo che invia.