Vishing, si finge tuo amico e ti svuota il conto: come riconoscerlo

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il vishing, o phishing vocale, è l’uso di telefonate fraudolente per indurre le persone a dare denaro o rivelare informazioni personali. 

È un nuovo nome per un vecchio problema: siamo di fronte alle care vecchie truffe telefoniche, ma decisamente in versione aggiornata e sofisticata. Vishing coinvolge spesso un criminale che finge di rappresentare un’istituzione, una società o un’agenzia governativa di fiducia.

vishing
fonte foto: CheNews.it

È possibile che ti venga chiesto di acquistare una garanzia estesa, che ti venga offerta una vacanza “gratuita”, che il tuo computer è infetto e che hai bisogno di un software antivirus o che ti venga chiesto di fare una donazione in beneficenza.

Obiettivo è quello per ingannare le persone con messaggi che fingono di provenire da agenzie governative o sanitarie, ospedali o assicuratori. Alcune chiamate potrebbero utilizzare un ID chiamante falso per sembrare più legittime.

Truffatori e truffe da ogni parte del mondo, in ogni momento, hanno prima cercato di sfruttare la pandemia di coronavirus e ora cercano di trarre beneficio dalla vulnerabilità delle persone legata alla nuova delicatissima crisi economica.

Vishing: riconosci così il voice phishing

I truffatori o i “visher” spesso offrono premi, prodotti o servizi fasulli. Quindi chiedono il numero della tua carta di credito o altre informazioni personali per farti pagare le commissioni associate. Fai attenzione a:

  • Offerte di aziende con cui non intrattieni affari e/o di cui non hai sentito parlare.
  • Un annuncio che hai vinto un premio in un concorso a cui non hai partecipato.
  • Promesse di ritorni non realistici per i tuoi soldi.
  • Pressione per prendere decisioni immediate per dare al chiamante ciò che vuole, che può includere:
    • I soldi
    • Informazioni sul conto finanziario
    • Informazione personale
    • Informazioni organizzative, inclusi nomi e informazioni di contatto dei colleghi dell’università
  • Minacce di conseguenze, come multe o sanzioni, se non fornisci denaro o informazioni.
  • Linguaggio poco professionale, ostile o addirittura osceno.
  • Chiamate indesiderate che offrono assistenza per debiti, tasse non pagate o precedenti casi di frode.

Se un chiamante afferma di provenire da un istituto con cui fai affari, come la tua banca, e chiede informazioni personali (numeri di conto, numeri di previdenza sociale e così via), riattacca, trova il numero di telefono di quell’istituto e chiamalo . Se la chiamata che hai ricevuto è stata una frode, segnalalo!

Non pagare commissioni per premi o ricompense offerte per telefono. La tua banca o il tuo ente previdenziale non ti chiederanno mai numeri di carte di debito o di credito per telefono né richiederanno pagamenti immediati utilizzando metodi specifici, come carte regalo prepagate, carte di debito o bonifici.

Non inviare denaro o fornire informazioni personali (come numeri di carta di credito e date di scadenza, numeri di conto bancario, date di nascita o numeri di previdenza sociale) in risposta a telefonate non richieste da società sconosciute o persone sconosciute.