Bancomat, rischi di perdere tutti i soldi: non commettere questo errore

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Quali sono i maggiori rischi legati all’utilizzo del bancomat? Un errore potrebbe davvero essere pericoloso

Molto spesso la parola bancomat viene usato in modo scorretto e del tutto improprio. In tanti infatti la utilizzano per indicare la carta di credito, di debito o quella elettronica. Ma è giusto così? In realtà la risposta non può, sotto questo punto di vista e basandosi sul linguaggio tecnico e di settore, non essere negativa. E questo perché con la parola bancomat si indica specificatamente una vera e propria denominazione commerciale di un circuito di pagamento italiano utilizzato per le carte di debito.

bancomat
(Fonte Foto: Pixabay)

Insomma, si può dire che è attraverso questo strumento che si può in primis prelevare denaro contante dagli sportelli automatici, detti ATM, ma anche pagare beni e servizi attraverso il POS ed effettuare transazioni online, che ormai sono davvero molto diffuse, facendola da padrone. Dunque tutti gli spostamenti di denaro passano attraverso tutto ciò. Ma questo meccanismo nasconde dei rischi e dei pericoli? Non si può non entrare nello specifico e nel dettaglio per provare a rispondere.

Bancomat, un errore può costare davvero caro? I dettagli

Mentre si convive con una situazione economica e finanziaria delicatissima, non ci sarebbe situazione più grave che mettere a rischio quelli che sono i propri conti e i propri risparmi. Ed ecco che, in un periodo in cui la digitalizzazione è arrivata passo dopo passo anche nel mondo dei bancomat, va sottolineato come non sempre questa scelta, che porta ad aver meno contanti in tasca, è soltanto portatrice di grandi vantaggi. Il riferimento è soprattutto a tutte quelle carte in cui è presente un chip predisposto al centro della tessera, che rende la proprio carta utilizzabile per vari pagamenti anche solo soltanto in un negozio abilitato e dotato di POS. In realtà però ora il tutto è stato accantonato grazie al contactless, ma in caso di usura o di inceppo del suddetto chip si potrebbero avere problemi non di poco conto.

Trovarsi, magari in maniera del tutto improvvisa, in tale situazione porterà il possessore della carta a non poterla più utilizzare, né per i prelievi e né per i pagamenti nei semplici negozi attraverso i POS. Come si può risolvere una situazione così delicata? Si può contattare il numero verde del proprio istituto bancario. La tessera sarà prima di tutto disattivata e di conseguenza distrutta nella filiale più. Dopo la distruzione avverrà ovviamente la consegna di una nuova, che sarà fin da troppo funzionante. Ma, tornando a parlare della digitalizzazione, sarà possibile richiedere una nuova carta attraverso l’applicazione o il sito ufficiale. Dunque tutto si lega attorno a un piccolo chip. Rovinare quello può significare avere a che fare con problematiche non da poco.