Lo stress è contagioso? La scienza fornisce una risposta che sorprende

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Lo stress può fare capo in qualsiasi momento. Questo è un tema che ha portato a chiedere se si potesse diffondere. A nostro supporto arriva la risposta della scienza. Questa potrebbe sorprendere.

Tra i fattori che possono condizionare il nostro umore c’è sicuramente lo stress. Questo fa innalzare immediatamente il nostro nervosismo. Un atteggiamento che può toccare, in un certo senso, anche chi ci sta attorno. Proprio per questo, tanti si sono chiesti se sia contagioso.

Stress
Adobe Stock

Il livello di stress non è uguale in tutte le persone. Alcuni tendono a non farsi sovrastare mentre altri non ci riescono. Di certo, il discorso riguarda un ambito molto delicato del nostro essere. Ragion per cui la reazione può essere variegata. Alla domanda, possiamo dare una prima risposta. Per la scienza, infatti, questo stato è contagioso. Ma non per tutti.

Lo stress, dunque, può in un certo senso “passare di mano”. Questo, come detto, non riguarda tutte le persone ma solo alcune. Una situazione che può farsi via via sempre più allarmante. Come quella che riguarda lo stress da cibo. In questo caso le conseguenze sono gravi e hanno portato gli esperti all’allarme. Andiamo, quindi, a scoprire verso chi si diffonde lo stress.

Lo stress è contagioso? La scienza dice sì

Come annunciato, la scienza ha svelato che lo stress sa essere contagioso. Questo può comportarsi come un virus ed essere trasmesso alle persone empatiche. Queste sono persone che sentono maggiormente gli stati d’animo degli altri. Questo risultato è stato dimostrato dalla ricerca del Max Planck Institute di Lipsia e dell’Università di Dresda.

Lo studio è stato condotto in modo che i ricercatori vedessero la reazione dei volontari che osservavano altre persone. Quest’ultime erano legate ad eventi di tensione psicologica. Successivamente gli studiosi hanno misurato i livelli di cortisolo, l’ormone dello stresso. Dall’analisi si è verificato un aumento nel 26% dei partecipanti. La percentuale sale, arrivando al 40%, se il rapporto con l’altra persona è ancora più stretto.

Il risultato è stato davvero sorprendente e indica il fatto che le persone empatiche tendono ad immedesimarsi con il soggetto stressato. La cosa particolare è che tale discorso vale anche quando la persona stressata è vista tramite un video. Anche film e programmi televisivi, secondo gli studiosi, possono far aumentare l’ansia.

La soluzione, come riportato da Focus, è quella di evitare, ove possibile, persone molto stressate. Un altro studio, invece, ha rilevato che se due persone stressate parlano tra di loro, questo livello diminuisce. Lo studio è stato condotto dalla Usc Marshall School of Business e ha messo al centro di tutto 52 studentesse. Queste avrebbero dovuto eseguire un esame molto difficile. Dopo il confronto, però, i livelli di cortisolo sono diminuiti.