Lavorare alle Poste, non è mai stato così semplice: la novità ti facilita il colloquio

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Lavorare alle Poste può essere un’opportunità e una possibilità non da poco. E c’è una novità davvero importante: ecco i dettagli.

Trovare lavoro è senza alcun dubbio un obiettivo che hanno in molti, nonostante le tante difficoltà dal punto di vista economico e sociale che si stanno vivendo in questo periodo. Mentre ci si interroga su requisiti e possibilità, c’è un’opportunità che non ci si può lasciar sfuggire, in quanto può essere davvero di quelle molto importanti e da cogliere al volo. Il riferimento è alle nuove assunzioni che farà Poste Italiane, una delle aziende cardine del nostro Paese.

lavorare alle poste
(Fonte Foto: Adobe Stock)

Ma in che cosa consistono questi nuovi posti di lavoro? Va detto che molto spesso viene aperta la ricerca di postini e di portalettere, in quanto questa è una figura a dir poco essenziale e fondamentale quando si parla di questo settore. Un qualcosa che tra l’altro riguarda tutto il territorio italiano e tutte le sedi. Ma in questo caso c’è una novità che può davvero cambiare tutto e aprire nuovi scenari. Ma di che cosa si tratta? Giusto entrare nello specifico e nel dettaglio della questione. Perché la curiosità non può non essere tantissima.

Lavorare a Poste Italiane, una grandissima novità

Mentre circa due mesi fa la società ha avuto dei problemi con l’applicazione Poste Mobile, poi comunque risolti e superati, c’è un aspetto che, per queste nuove assunzioni, può dare una maggiore opportunità a chi ambisce a un posto nell’azienda. Il motivo? È stato deciso di abolire dai requisiti principali il voto di maturità. Infatti quest’ultimo limitava molto le candidature, chiudendo le porte a chi non è dotato. Prima c’era un limite legato proprio al voto, che era 70/100 per i diplomati e 102/110 per i laureati. Insomma, averlo tolto rappresenta senza alcun dubbio una grandissima novità, che permette per di più di partecipare a molte più persone, che hanno quindi una chance non da poco. Rimane però invece l’obbligo della patente di guida, essenziale per svolgere e per fare questo mestiere. Si parla comunque di contratti a tempo determinato, con la possibilità di indicare solo una sede di preferenza.

Ma come si può inviare la candidatura? Basta semplicemente recarsi sul sito di Poste Italiane, nella sezione dedicata alle carriere. i candidati, in base ovviamente alle esigenze dell’azienda, saranno poi ricontatti alla mail fornita in sede di candidatura.  La prima prova consiste in un test psicoattitudinale, mentre la seconda nella guida di un automezzo e successivamente in un colloquio. Insomma, un percorso chiaro e ben definito. Non resta che, se si vuole, fare una tentativo.