Elezioni, quanto guadagnano presidente di seggio e scrutatore?

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Siamo sempre più vicini all’elezioni. Tanti i protagonisti che entrano in gioco. Da scrutatori ai presidenti di seggio, i componenti sono vari. Ma quanto guadagnano? Scopriamo insieme tutte le cifre.

Il momento dell’elezioni è sempre molto sentito. A maggior ragione dopo l’ennesima crisi di governo con alcuni partiti che hanno posto fine ad un altro esecutivo. Ogni volta che si è chiamati al voto, entrano in gioco tanti protagonisti. Non solo i rappresentati politici ma anche quelli che permettono la corretta esecuzione delle votazioni.

Elezioni, scrutatore e presidente
Adobe Stock

Quando si palesa qualsiasi tipo di votazione, anche un referendum, fare lo scrutatore permette un’altra entrata. Infatti, è pensiero comune che svolgere tale attività permetta di “arrotondare”. La cifra finale che spetta a loro e ai presidenti di seggio varia in base ad alcuni criteri. Si parte dall’appuntamento delle votazioni fino ad arrivare ai compiti e a cosa si deve svolgere nel seggio.

Per l’elezioni politiche 2022 molti si chiedono chi possa votare al senato. Segno di come tutte le votazioni attirino sempre grande curiosità. Questo aspetto, ora, si incontra con quello economico. Andiamo, quindi, a vedere tutti i compensi dei protagonisti al seggio.

Quanto guadagnano scrutatori e presidenti di seggio all’elezioni?

La prima differenza di compenso tra i due ruoli è dato da quello che si svolge. Entrambe le posizioni ricevono un compenso statale. I presidenti di seggio hanno una cifra superiore. I compensi si dividono così:

  • Elezioni amministrative e politiche: scrutatore 120 euro, presidente di seggio 150 euro;
  • Referendum: 104 euro per lo scrutatore mentre per il presidente sono 130 euro;
  • Parlamento: solo per quello europeo le cifre sono di 96 euro per lo scrutatore e 120 per il presidente; con il parlamento europeo e le amministrative il guadagno porta la cifra dello scrutatore a  121 euro e quella del presidente a 156 euro. Se insieme al parlamento europeo ci sono amministrative comunali e regionali la cifra tocca i 146 euro per gli scrutatori e di 194 per i presidenti.

Se nello stesso giorno ci sono più elezioni allora si devono aggiungere 37 euro per i presidenti. Mentre sono 25 euro aggiuntivi per gli scrutatori. Per i seggi speciali, come negli ospedali, la cifra sale di altri 72 euro per il presidente e di 53 euro per gli scrutatori.

In genere, il pagamento viene erogato in base alla comunicazione comunale. Dopo aver fornito le proprie informazioni, ci sono documenti dove si svelano tempi e modalità. Il mittente del pagamento, poi, varia in base all’elezioni che si sono svolte.

Si va da una quota data interamente dallo Stato se ci sono state l’elezioni del parlamento europeo. Una divisione pari tra Stato e Comune per elezioni europee e comunali. Divisione pari tra Stato e Regioni per europee e regionali. Mentre c’è un terzo da parte dello Stato, un terzo dalle Regioni e un terzo dal Comune se ci sono state europee e amministrative per regioni e comuni.