Gratta e vinci, attenti al dettaglio: potrebbe essere una truffa

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

I gratta e vinci possono essere fare di tante situazioni. La vittoria, a volte, non è questione solo di numeri ma anche di dettagli. Attenti in particolare a uno. Ecco perché.

Quando si sceglie di tentare la fortuna sappiamo bene che le probabilità di non vittoria sono molto alte. I numeri, però, possono dire solo una parte del perché non riusciamo praticamente a vincere. In certi casi, ci sono delle interferenze esterno che ci impediscono di arrivare al premio.

Gratta e vinci
Adobe Stock

Arrivare a grandi premi è cosa non facile. Ci sono delle probabilità ben precise e ben spiegate sui siti ufficiali. Di certo, in alcuni momenti, la nostra probabilità di vittoria rasenta lo zero percento. Fattore che, però, non incide sulla scelta del giocatore. Se una persona vuole giocare nonostante la percentuale è libera di farlo.

Questo aspetto ci porta a considerare che capire quali siano i gratta e vinci fortunati non è semplice. Come detto, però, la non vittoria potrebbe arrivare anche da persone esterne. Cosa che farebbe molto arrabbiare dato che il gioco, in certi casi, ha distrutto vite. Queste persone riescono a non dare il biglietto vincente. Il trucco è molto semplice ma anche illegale.

Gratta e vinci, perché non si vince mai? La truffa riguarda il codice

Le percentuali di raggiungere il montepremi totale sono molto basse. Mentre quelle per rientrare dalla spesa vanno dal 18 al 36 percento. Già questi numeri raccontano bene la complessità di raggiungere la vittoria che fa cambiare una vita. A peggiorare la situazione, però, ci sono alcuni rivenditori o i dipendenti che lavorano con i biglietti.

Molto spesso potremmo chiederci come mai in una ricevitoria non si riesce proprio a vincere. In quel caso, potremmo essere al centro di un piccolo trucco messo in atto. Questo consiste nel fatto che il rivenditore gratti leggermente il biglietto nella zona del codice. Così che la macchina possa verificare il biglietto. Una volta scoperti quelli vincenti, li tiene da parte per poi incassare successivamente senza dare troppo nell’occhio. A questo punto, mette in vendita solo gratta e vinci perdenti.

Quelli in vendita hanno comunque dei segni di manomissione. Sono impercettibili ed è per questo che bisogna controllare bene il biglietto. Così, nel caso, da avvertire gli agenti di questa situazione. In merito a tale tema c’è un precedente abbastanza spiazzante.

La Guardia di Finanza, insieme a Lottomatica, scoprì la truffa degli ex dipendenti della società stessa. Tra il 2015 e il 2019. 12 persone, almeno quelle a cui si è risalito, hanno raccolto una cifra di 27 milioni di euro grazie a questi biglietti. Cifra raggiunta, però, non per fortuna ma perché avevano violato il sistema della società. Tale passaggio ha permesso di scoprire informazioni riservate sui biglietti che garantivano un’altissima vittoria.