Agenzia delle Entrate, non rispondere a questa email: è una truffa

Una nuova truffa per email può rubare tutti i vostri dati e avere conseguenze importanti: ecco il messaggio finto dell’Agenzia delle Entrate.

Ormai ogni giorno assistiamo a nuove “trappole” online che sono mirate a fare in modo che le persone stesse, inconsapevolmente, forniscano ai malintenzionati i loro dati sensibili.

truffa email
foto Adobe Stock

Queste genere di truffa detta “phishing” può agire attraverso vari canali: email, sms, chiamate o anche chat su Whatsapp. Alcune sono davvero ben congeniate e possono svuotarti il conto in pochi secondi.

Di solito questi malfattori mirano a conquistare la fiducia dei malcapitati fingendo di lavorare per enti certificati come Poste Italiane, le banche o anche l’Agenzia delle Entrate. Ormai questo genere di messaggi arrivano anche da indirizzi email abilmente camuffati in modo da sembrare ufficiali.

Ecco una nuova truffa che sta colpendo diversi utenti per email: l’Agenzia delle Entrate stessa ha messo in guardia le persone con un comunicato.

Nuova Truffa per email: attenzione a questo messaggio dell’Agenzia delle Entrate

Questa volta per email potrebbe arrivarvi un messaggio da un indirizzo che finisce per “gov.it” come se fosse una fonte ufficiale. Per conto dell’Agenzia dell’Entrate nel messaggio ci sono informazioni in merito ad una ricevuta di un pagamento con tanto di numero della transazione in questione. Si invita l’utente, quindi, a cliccare su un link per accedere alla documentazione o a scaricare l’allegato alla email.

Si tratta chiaramente di una truffa o meglio di un phishing che in poco tempo potrebbe rubare tutti i vostri dati finanziari e le password. L’Agenzia delle Entrate, con un comunicato ufficiale, si dissocia da questo messaggio ingannevole e invita tutti gli utenti a non aprire l’email e non cliccare su nessun link o allegato.

Purtroppo l’unico metodo per non cascare in queste truffe, soprattutto quando arrivano da fonti autorevoli, è quello di non fidarsi a prescindere. Eventualmente, dopo aver ricevuto email messaggi o chiamate sospette, sempre meglio aspettare a fare qualsiasi cosa e contattare voi stessi la vostra banca o l’istituzione per esser sicuri siano stati loro a cercare di contattarvi. In ogni caso è sempre cosa saggia non cliccare su link di nessun tipo o, peggio, fornire dati sensibili.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo