Cosa fare dopo il morso di una medusa? L’errore da non commettere

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Tante persone si chiedono che cosa fare dopo il morso di una medusa. Tra le azioni c’è un errore che non bisogna assolutamente fare: ecco che cosa c’è da sapere.

Ci sono migliaia di specie di meduse in tutto il mondo. La maggior parte delle punture di queste sono innocue, ma alcune volte possono causare gravi danni. È possibile trattare queste punture con alcuni passaggi di primo soccorso di base. Andiamo a conoscere tutti i passaggi da fare in queste circostanze.

morso medusa
fonte foto: AdobeStock

Le meduse sono creature marine che vivono in tutti i mari del mondo. Queste di solito non intendono pungere gli umani. Questo evento succede quando una persona sfiora l’animale mentre nuota o cammina lungo la spiaggia. Come molte persone sanno bene, il morso della medusa è per la maggior parte innocuo. Ma non sempre.

Purtroppo, alcune volte ci sono delle punture di meduse che possono causare dei seri danni o fastidi. Questo perché rilasciano delle sostanze urticanti per la pelle umana, che provocano un’irritazione, oltre al dolore, rossore e gonfiore, come viene sottolineato sul portale my-personaltrainer.it. Ogni anno nel mondo si verificano fino a 150 milioni di punture di meduse. La gravità dipende dal tipo dell’animale e dalla zona.

Morso di medusa: ecco che cosa fare e cosa evitare

La reazione che ricevi da una puntura di medusa dipende da molte variabili, in quanto ci sono al meno moltissimi di questi animali, come la medusa bionica. Alcune punture di meduse causano solo una leggera irritazione e alcune punture possono essere fatali. La maggior parte delle persone non ha bisogno di consultare il proprio medico per una puntura di medusa.

Dopo esserti allontanato dall’acqua la prima cosa da fare è lavare la zona con acqua di mare ed eliminare così il veleno. Poi, usando una pinzetta o i guanti, bisogna rimuovere tutti i residui del morso che vedi nella tua pelle. Solo in un secondo momento, in presenza di sintomi come nausea, mal di testa, vertigini, sudorazione, pallore è bene rivolgersi al 118 in quanto ci potrebbe essere una reazione allergica.

Uno degli errori più comuni è quello che molti lavano la zona interessata con acqua dolce. È sconsigliato intervenire sulla parte con un eccessivo calore, come strofinare la mano o la sabbia o una pietra. Non bisogna esporsi al sole per evitare la comparsa di macchie. Ed infine bisogna stare alla larga dai rimedi della nonna, in caso di fastidio è bene applicare un prodotto con cloruro di alluminio.

(Le informazioni scritte nell’articolo hanno il solo scopo divulgativo. Le notizie qui contenute sono prese da portali specializzati, e non sostituiscono in nessun modo il parere medico. Si raccomanda, pertanto, il consulto del proprio medico curante o di specialisti del settore prima di sottoporsi a qualche trattamento o diagnosi).