Risparmio, la 30 dei trenta giorni ti gonfia il portafoglio: scopri il trucco

Il risparmio può avvenire tramite varie strade. Non solo con sconti dedicati o saldi periodici. C’è una regola che può essere fondamentale.

Gli ultimi capovolgimenti storici ha portato una pressione molto importante sulle famiglie italiane. Le abitudini di spesa, infatti, sono radicalmente cambiate. Sinonimo di come la gestione economica e finanziaria sia molto oculata. Ci sono vari sentieri che ci conducono al risparmio. La priorità ora è tagliare tutto quello che è considerato superfluo. A tal proposito, una regola può rivelarsi un’arma davvero importantissima.

Risparmio
Adobe Stock

La crisi economica ha portato le famiglie a ridurre il loro budget mensile. I rincari tra gli alimenti, benzina e le bollette non hanno fatto altro che aggravare una situazione già di per se decisamente complessa. Anche perché, come ben sappiamo, gli aumenti riguardano anche altri ambiti. Come, ad esempio, i beni di consumo. A tal proposito, l’inflazione a giugno ha toccato l’8%.

Insomma, la situazione è decisamente delicata. Crisi economica e inflazione portano le famiglie a cambiare le loro abitudini. Ad avere accortezza per qualsiasi cosa. Il risparmio è in cima alla lista delle priorità. Un risparmio che può avvenire anche tramite le bollette con piccoli accorgimenti. Se i trucchi sono semplici da mettere in campo più ostico è il discorso sul decidere cosa tagliare. Come si fa, dunque, a capire che un bene è superfluo? Una regola è decisiva.

Risparmio, la regola dei 30 giorni ci può aiutare: ecco come funziona

Prima di addentrarci nei meandri della regola dei 30 giorni dobbiamo fare un appunto. Questa regola non si adatta ai prodotti alimentari ma agli articoli per abbigliamento, per la casa e per altri prodotti di questo genere. Fatta la dovuta premessa, concentriamoci ora su questa regola che potrebbe farvi risparmiare tantissimi soldi.

Molto spesso tendiamo ad acquistare di impulso. Vediamo un prodotto, ci colpisce sul momento, e lo acquistiamo. Questo vale per i vestiti ma anche per le scarpe o per gli oggetti di arredo. Ma prima di procedere dovremmo farci una domanda: quel prodotto ci serve davvero? Questa domanda è fondamentale per poter procedere ad un acquisto che non faccia gettare i nostri risparmi.

La regola di 30 giorni segue proprio questa domanda. La regola funziona in maniera molto semplice. Quando vediamo un prodotto che ci conquista sul momento resistiamo all’impulso e aspettiamo 30 giorno. In questo periodo di tempo potremmo renderci conto di almeno due cose: la prima è che quell’oggetto per noi sarebbe ancora utile. Oppure ci siamo completamente dimenticati di quel prodotto. La voglia di comprarlo, di fatto, è sparita.

Se ci siamo dimenticati di quel prodotto alla vuol dire che si trattava di una spesa superflua. Molto spesso, inoltre, tendiamo a dimenticare un opzione superflua anche a distanza di pochi giorni. Mentre se ci serve davvero, non aspettiamo in genere di vederla esposta. Ma facciamo partire una ricerca su misura.