Riforma fiscale, torna il cashback? Ecco tutte le novità

Ci sono delle novità in atto in merito alla riforma fiscale. Tra le ipotesi al vaglio c’è la possibilità di un ritorno al cashback e il taglio di alcuni bonus. Vediamo che cosa bisogna aspettarci in merito. 

Il governo è alle prese con una sorta di affinamento per quanto riguarda la riforma che era stata introdotta qualche mese fa. Alla Camera verranno affrontati degli argomenti ritenuti “caldi”, come il ritorno del cashback. Vediamo quali sono le novità che potrebbero essere introdotte nel merito.

riforma fiscale
fonte foto: AdobeStock

Il ritorno al cashback è uno dei temi più discussi negli ultimi tempi. L’argomento è discusso in seguito alla nuova riforma fiscale che continua ad essere sottoposta a modifiche ed accorgimenti, tanto che ancora non c’è una versione definitiva da parte del governo. Tuttavia, la votazione finale spetterà in definitiva alla Camera.

Tra i punti salienti c’è la riforma IRPEF, del catasto e quella del regime forfettario. Ma quello che interessa un bel po’ è il nuovo cashback fiscale, che potrebbe essere introdotta all’interno della nuova riforma. I nodi da sciogliere sono ancora parecchi, anche se ci sono dei punti fermi: ecco che cosa c’è da sapere in merito e come funzionerà.

Riforma fiscale, nuovo cashback fiscale: ecco come funziona

In tanti aspettano un ritorno al cashback, anche se la nuova versione sarà diversa dalle precedenti versioni come quello di Stato. Ma è diverso anche al super cashback che consisteva in un premio di 1.500 euro. La nuova iniziativa prevede che tutti i cittadini possano usufruire di un cashback fiscale.

Questo, in pratica, consiste in una detrazione IRPEF per chi acquista beni o servizi pagati in modo elettronico. Ma non per tutti i beni e servizi, bensì su tutte le spese sociosanitarie, che avranno la priorità. I rimborsi verranno accreditati sulle piattaforma telematiche. Come si legge sul portale TrendOnline, pare che sia stata scelta l’app IO.

Anche per quanto riguarda il meccanismo qualcosa sarà modificato. Probabilmente funzionerà solamente su richiesta da parte del contribuente. Una volta comunicata la volontà al venditore o esercente, il certificato verrà emesso sullo scontrino o fattura elettronica.

Riforma fiscale, nuovo cashback, quanto entra in vigore?

Per quanto riguarda la data più plausibile dell’entrata in vigore del nuovo cashback, probabilmente si parla prima della fine del 2022. Questo per fare in modo che i cittadini non debbano attendere i rimborsi nella dichiarazioni dei redditi, ma si possono ottenere subito dopo la spesa effettuata.

Tra le tempistiche, inoltre, bisogna tenere conto anche l’approvazione della legge delega, Questa purtroppo continua ad avere dei ritardi. Anche se si ipotizza che la nuova iniziativa possa partire tra giugno 2022 e gennaio 2023. Non ci resta che attendere cosa deciderà la riforma fiscale finale e che cosa c’è scritto al suo interno.