Risparmia sulla bolletta con una bottiglia d’acqua: il trucco che non ti hanno mai detto

Basta una semplice bottiglia d’acqua per risparmiare sulla bolletta. Un trucco facile e semplice che permette respiro anche alle finanze. Ecco come si fa.

Il periodo per tutte le famiglie è molto complesso. Con l’arrivo dell’estate i consumi saranno praticamente uguale. Questo perché, come ben sappiamo, con l’estate ci sarà la volontà di trovare un rinfresco. Mentre in inverno si tendeva a riscaldare l’ambiente. Il classico gioco delle temperature che, comunque, ha un peso sulla bolletta.

Bolletta, risparmiare
AdobeStock

In qualsiasi stagione, quindi, i costi sono alti. In inverno i costi che si alzano riguardano il gas mentre in estate il lato elettrico. Soprattutto dall’incidenza del condizionatore. In questo discorso rientra anche il frigorifero che può avere comunque il suo impatto.

Qualsiasi dispositivo presente nella nostra abitazione può incidere sul consumo. Poche settimane fa abbiamo parlato di un aiuto per risparmiare su bolletta di luce e gas. Proprio come in questo caso in cui il risparmio può avvenire attraverso una bottiglia d’acqua. Andiamo, quindi, a vedere come e dove utilizzare la bottiglia d’acqua.

Risparmiare sulla bolletta con una bottiglia d’acqua: ecco il trucco

Come anticipato, il frigorifero potrebbe dare qualche problema. Il trucco della bottiglia d’acqua è molto semplice. Basta avere una bottiglia di plastica, indifferentemente che sia da un litro o poco più, e riempirla per tre-quarti. Successivamente poniamola nel freezer per farla congelare. Dopo fatto questo poniamola nel frigorifero al lato opposto del termostato. Tale passaggio deve essere rispettato così da non influenzare il termostato con la bottiglia ghiacciata.

Questo trucco serve per permettere al grande elettrodomestico di mantenere una temperatura interna stabile. La bottiglia ghiacciata aiuterò proprio in questo senso. Naturalmente una volta finito l’effetto della bottiglia, basta ripetere il procedimento e sistemarla nel modo precedente. Questo permette di risparmiare sia in estate che in inverno.

Questo metodo è utile perché, in estate, il frigorifero fatica di più. L’elettrodomestico, infatti, prende aria dall’ambiente per raffreddarla all’interno. Se l’aria è calda il motore è costretto ad uno sforzo ulteriore per raffreddare il tutto. Così porta ad un consumo di energia ancora maggiore.

Le situazione che portano a far lavorare il frigorifero sono tante. Una, ad esempio, è quando lo apriamo in cerca di qualcosa da stuzzicare ma non sappiamo cosa. Quindi apriamo la porta e iniziamo a guardare cosa c’è al suo interno. Tutto quel tempo, porta l’aria calda ad entrare con la temperatura che va ad alzarsi. In questo caso, sempre meglio sapere cosa prendere così da richiudere immediatamente il frigo. Questi piccoli accorgimenti potrebbero, quindi, permettere di far lavorare meglio l’elettrodomestico e di non ricevere un duro colpo sulla bolletta.