Il tuo cellulare è sotto controllo? Scoprilo così: 5 indizi che dovrebbero metterti in allarme

Il tuo cellulare è sotto controllo? Ci possono essere dei segnali da non sottovalutare. Andiamo a scoprire insieme a cosa stare attenti.

L’evoluzione della tecnologia ha portato tanti strumenti che ci hanno facilitato la vita. Dall’altra parte, però, i dispositivi elettronici ci espongono ad alcuni pericoli. Ognuno di noi, ormai, sul proprio cellulare ha dati sensibili, numeri di telefono e informazioni bancarie. Ed è per questo che bisogna stare attenti ad alcuni dettagli.

Cellulare sotto controllo
AdobeStock

L’argomento sulla privacy è sempre molto sentito. Questo perché i nostri dati possono essere oggetto di alcune situazioni spiacevoli. I dati di ognuno di noi sono entrati nell’attenzione dei cybercriminali. Inoltre, riuscire a reperire tali dati non è così complesso come si crede. A tal proposito, è sufficiente uno spyware, meglio conosciuto come software spia, all’insaputa del proprietario. Alcuni, si pensi, sfruttano anche le coordinati GPS. Così da localizzare il dispositivo in ogni situazione.

A proposito di privacy e smartphone, alcuni giorni fa abbiamo parlato di alcune app che potrebbero spiare una persona. Questa volta ci concentreremo sulla possibilità di essere sotto controllo. Andiamo a vedere ora a cosa bisogna stare attenti. Alcuni indizi che potrebbero farvi capire se siete controllati.

Cellulare sotto controllo? Gli indizi da non sottovalutare

La tecnologia, anche in questo caso, ci fornisce una mano anche per scoprire se siamo in presenza di situazioni poco piacevoli. Degli indizi che possono permettere di farci capire sei si è sotto controllo. Piccoli segnali che possono far capire che ci sia uno spyware.

Il primo dettaglio a cui stare attenti è quello dei rumori insoliti. Quando il cellulare è in modalità silenzioso o standby, oppure quando non è utilizzato, comincia ad emettere alcuni suoni. Suoni che, come possiamo intuire, sono anomali. Il secondo dettaglio è quello del consumo ingente della batteria. A tal proposito, gli spyware incidono in maniera pesantissima sulla batteria. Se il vostro dispositivo è di ultima generazione e inizia a dare segni di cedimento lato batteria allora c’è qualcosa che non va.

Altro elemento che potrebbe farci capire di essere sotto controllo è un comportamento atipico del cellulare. Se vediamo che il dispositivo si accende o si spegne da solo. Se troviamo delle app installate improvvisamente allora si è sotto controllo. Anche il rallentamento del sistema è un fattore. La lentezza, magari improvvisa, può essere dettata dalla presenza del malware. In ultima analisi, attenzione alla riduzione del credito. Gli spyware, infatti, inviano le informazioni attraverso SMS. Cosa che potrebbe portare ad un immotivato consumo del credito.

Dispositivo sotto controllo per una disattenzione

In questo caso si rientra della sfera degli account personali di Facebook e WhatsApp. Per social network basta andare in impostazioni e privacy e vedere la protezione e accesso. Lì saranno presenti tutti i dispositivi che hanno effettuato l’accesso con quell’account. Se si nota un dispositivo sconosciuto allora qualche malintenzionato è entrato nel nostro account.

Lo stesso discorso vale per WhatsApp che è possibile usare sia da telefono che da cellulare. Per entrare bastare utilizzare un codice QR, se effettuiamo l’accesso sulla versione Web e non c’è stata la disconnessione allora qualcuno potrà leggere le nostre conversazioni. Altro scenario è che qualcuno entri dal Web tramite l’aver preso il nostro dispositivo. Anche qui per scoprire se ci sono dispositivi sconosciuti connessi basta andare nelle impostazioni. L’app, infatti, permette non solo di disconnettere ma anche di dissociare il dispositivo sconosciuto. Inoltre, WhatsApp può causare problemi alla memoria del dispositivo, anche in quel caso la soluzione è davvero semplice.