Truffa del corriere, come funziona? Ecco come riconoscerla ed evitarla

La truffa del corriere è una minaccia sempre più costante per moltissime persone. Ecco in che cosa consiste, come funziona, come riconoscerla per non caderci.

Negli ultimi anni le truffe sono diventate un vero e proprio problema globale da sventrare. Moltissime persone sono vittime di soggetti che individuano le persone più deboli e cercano di colpirle. Tra le frodi che stanno prendendo piede negli ultimi tempi c’è la truffa del corriere: ecco di cosa si tratta.

Truffa corriere
fonte foto: BeFunky

La maggior parte delle vittime che sono il bersaglio preferito dei criminali sono considerate appartenenti a segmenti ingenui della popolazione. Quelli che secondo i truffatori sono considerati “deboli” e quindi facilmente aggirabili da loro. Per questo motivo gli anziani sono gli obiettivi più frequenti delle truffe fraudolente.

I truffatori prendono di mira gli anziani, poiché possono essere soli, disposti ad ascoltare ed hanno più fiducia dei giovani. Molti schemi di frode contro gli anziani vengono eseguiti per telefono, porta a porta o tramite annunci pubblicitari. Gli anziani sono i bersagli principali di schemi attribuiti a carte di credito, lotterie o concorsi, enti di beneficenza, prodotti sanitari, riviste, migliorie per la casa, investimenti, bonifici, assicurazioni e altro.

Tra le truffe che possono colpire maggiormente gli anziani c’è anche la truffa del corriere, ma ovviamente tutti noi siamo esposti. In questo caso i truffatori fanno quasi sempre parte di bande criminali: sono persuasivi e possono essere aggressivi verbalmente. Andiamo a vedere come funziona nello specifico.

Che cos’è la truffa del corriere?

Tantissime sono le tipologie di truffe che vengono messe in pratica da criminali. Dopo la truffa del pacco, oggi conosciamo la truffa del corriere che è diventa in poco tempo una questione globale che si è intensificata alla fine del 2020, dove i truffatori hanno scoperto in questo tipo di frode la formula vincente.

La truffa inizia con una telefonata del truffatore che finge di essere un funzionario di banca o un agente di polizia o un’altra persona. Una volta che il truffatore ha guadagnato la fiducia della vittima, informa il malcapitato o la malcapitata che di lì a poco passerà un corriere a lasciare un pacco.

In genere, il pacco in questione è di alto valore (computer, smartphone, gioielli, elettrodomestici e altro) ed è sempre ordinato da una persona stretta di famiglia della vittima, ad esempio figli o nipoti. Al momento della consegna del pacco, al malcapitato è richiesto di saldare la somma dell’oggetto.

Come reagire alla truffa

Quando ci sono queste situazioni, per prima cosa bisogna mantenere la calma e non dare per scontato che una telefonata sia autentica solo perché qualcuno conosce i tuoi dati personali come il numero di telefono, il nome, l’indirizzo, il nome e cognome di un parente. I truffatori, prima di entrare in azione, prendono tutte le informazioni che ti riguardano per usarle contro di te.

La prima cosa da fare è, subito dopo la telefonata dell’arrivo del corriere, è quello di contattare il familiare che avrebbe mandato a prendere l’oggetto. Se la persona smentisce l’acquisto, bisogna informare immediatamente le forze dell’ordine per cercare di evitare che i criminali truffino altre persone.